sabato, Ottobre 23

Post – coronavirus: la sostenibile leggerezza dell’economia che ci attende E’ certo che dopo la recessione si andrà incontro a una decrescita sostenibile. Dallo sviluppo speculativo del ‘mordi e fuggi’ allo sviluppo di continuità equilibrata fra economico e sociale. Non ci può più essere altro modello di ‘crescita’, se vogliamo avere un futuro

0

Dopo la recessione nella quale già siamo piombati con il coronavirus Covid-19, si andrà incontro a una risalita che avrà, però, le sembianze di una decrescita sostenibile? che cosa è la decrescita sostenibile e perché non è, di fatto, recessione? Sono due domande funzionali a sgombrare il campo da fraintendimenti e sciocchezze varie, anche da parte di certe forze politiche.

E’ certo che dopo la recessione -che è già qui, ora- si andrà incontro a una decrescita sostenibile, non ci può più essere altro modello di crescita’, se vogliamo avere un futuro.

La tesi della decrescita come recessione si basa sul collegamento solo con il PIL, e non con l’integrazione  equilibrata fra economico e sociale/ambientale e distribuzione del potere.

Il termine decrescita potrebbe essere declinato come nuovo paradigma di  sviluppo  e non come ‘depressione’ del sistema. Cambiando la prospettiva: dallo sviluppo speculativo delmordi e fuggiallo sviluppo di continuità equilibrata fra economico e sociale.

La decrescita sostenibile è riconoscere che tutte le monete hanno due facce. Da una parte la faccia economica (per esempio indicatori del Prodotto Interno Lordo, il PIL) e dell’equilibrio fra costi e ricavi, e dall’altra la faccia del sociale e dell’ambiente (per esempio indicatori di Benessere Equo e Sostenibile, il BES), ove intendiamo una analisi multidimensionale degli aspetti rilevanti della qualità della vita dei cittadini, con una attenzione alla distribuzione delle determinanti del benessere tra soggetti sociali e con la garanzia dello stesso benessere anche per le generazioni future. Se le monete avessero le due facce uguali sarebbero false.

Oggi la sostenibilità implica scelte imprenditoriali che diano un futuro alle nuove generazioni e viene valutato non più e solo con il calcolo del PIL (Prodotto interno lordo), matramite i nuovi indicatori di benessere, come per esempio il Bes (Benessere equo sostenibile), l’indice di Benessere Economico Sostenibile (Index of Sustainable Economic Welfare, il ISEW), il Genuine Progress Indicator (GPI), The Human Development Index (HDI) ecc. che affrontano in termini globali i grandi temi della non autosufficienza e dell’invecchiamento attivo della popolazione, delle politiche di integrazione delle famiglie immigrate, della riconversione occupazionale dei lavoratori espulsi dalle imprese del manifatturiero, della gestione del patrimonio artistico e archeologico, delle politiche di welfare che mettono al centro il protagonismo delle famiglie, della finanza del microcredito, dei gruppi di acquisto sostenibile ed inoltre del commercio equosolidale. Il tutto nella prospettiva degli SDG’s (Sustainable Development Goals) che è un programma d’azione che ingloba 17 obiettivi per lo Sviluppo Sostenibile da raggiungere entro il 2030.

In un quadro macroecomico europeo che, per esempio, relativizza il Pil, auspicando invece una crescita economica che si basa sulle condizioni strutturali e di cultura imprenditoriale diffusa orientata alla responsabilità sociale d’impresa.

Si pensi per esempio al Green Deal europeoche trasforma l’Unione in una economia moderna, efficiente sotto il profilo delle risorse, e sfidante rispetto all’equilibrio ambientale, visto come opportunità e non come limite.

Anche in Italia si può vedere nel Decreto Crescitalia bis (2012, convertito con la legge 221/2012) una nuova categoria di impresequella delle start-up innovative e specificatamente quelle ad alto valore ambientale e sociale, le quali devono possedere ulteriori caratteristiche per essere considerate tali.
Otre allo sviluppo di prodotti o servizi innovativi e ad alto valore tecnologico, le startup a vocazione sociale operano in esclusiva in determinati settori ove si considerano beni e servizi di utilità sociale quelli prodotti o scambiati nei seguenti settori: a) assistenza sociale; b) assistenza sanitaria; c) assistenza socio-sanitaria; d) educazione, istruzione; f) valorizzazione del patrimonio culturale; g) turismo sociale; h) formazione universitaria e post-universitaria; i) ricerca ed erogazione di servizi culturali; l) formazione extra-scolastica; m) servizi strumentali alle imprese sociali. Inoltre, indipendentemente dall’esercizio della attività di impresa nei settori precedenti, possono acquisire la qualifica di impresa sociale le organizzazioni che esercitano attività di impresa, al fine dell’inserimento lavorativo di soggetti che siano lavoratori svantaggiati e fasce deboli.

Attori imprescindibili di questa sostenibilità sono le imprese sociali non profit, profit e pubbliche che creano un sistema tripolare di organizzazioni economico-aziendali. E’ una sorta di sostenibile leggerezza dell’impresa sociale.

Dopo il COVID l’Italia dovràgiocoforzaimboccare la strada di un sistema economico e sociale dove tutte le imprese dovranno essere imprese sociali, passando dalle dichiarazioni convegnistiche alle scelte operative, al ‘mettere a terra la responsabilità sociale in una logica di capitalismo che da ‘compassionevole’ si traduce in ‘investimento sociale’, pena il fatto che l’impreparazione a situazioni simil Covid-19 si traducono in un annullamento della domanda (quindi offerta consistente, ma domanda asimmetrica quantitativamente e qualitativamente rispetto all’offerta). L’obiettivo è costituire una simmetria fra domanda ed offerta in un contesto di sostenibilità del sistema. La scelta dello sviluppo della domanda selettiva sulla base di una economia sociale dovrà guidare la politica economica del sistema Nazione, e quindi le imprese.

Evidente, quindi, che la decrescita sostenibile non è recessione, anzi, è esattamente l’opposto, perché ci permette di avere ‘domanda’ oggi, e contestualmente creare le condizioni per averla domani, ma anche perché l’abbiano le future generazioni, perché il pianeta che ci ha ‘saziati’ oggi continui a farlo con le prossime generazioni.

Al dilà dello stereotipo positivo che stiamo lavorando per le generazioni future e gli alberi, di cui oggi godiamo la (seppur insufficiente) sintesi clorofilliare, sono stati piantati dai nostri padri e quindi analogamente dovremmo fare noi, è necessario ricostruire il rapporto fra uomo e natura, fra economia e natura sulla base di due verità.

La prima prende atto che tutte le forme della vita sono interconnesse e la seconda è che la soddisfazione della domanda individuale deve connettersi con il bene comune

Quindi la massima hobbesiana del ‘homo homini lupus’ può essere sostituita dalla massima dell’economista A. Genovesi. ‘homo homini natura amicus’

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

Professore associato di Economia delle aziende e delle amministrazioni pubbliche presso l'Istituto di Pubblica Amministrazione e Sanità (IPAS). Direttore del Master in Management delle aziende cooperative e imprese sociali non profit (NP&COOP). Docente senior dell' Area Public Management & Policy della SDA Bocconi. Membro del comitato scientifico della rivista Non Profit, Maggioli Editore. Membro del comitato medico-scientifico della rivista Vivere oggi del Comune di Milano. Membro del comitato scientifico della rivista Azienda Pubblica, Maggioli Editore. Fondatore e promotore della collana "Aziende non profit. Strategie, struttura e sistema informativo", EGEA, Milano. Membro dell'editorial advisory committee di Health Marketing Quarterly e del Journal of Professional Services Marketing, The Haworth Press, Inc., Binghamton, New York. Membro del comitato scientifico dell'Unione Nazionale Imprese di Comunicazione, UNICOM. Membro dell'Associazione Italiana di Economia Sanitaria, AIES. Membro dell'Osservatorio Camerale Economia Civile, Camera di Commercio di Milano. Membro del comitato scientifico dell'Associazione Italiana Fundraiser di Forlì, ASSIFF. Membro del Consiglio di Gestione della Fondazione a sostegno della solidarietà sociale Umanamente, gruppo RAS. Membro del comitato etico di Coop Lombardia, Milano. Membro del comitato etico di Investietico, BPM Milano. Membro del comitato scientifico dell'Associazione Italiana della Comunicazione Pubblica e Istituzionale.

End Comment -->