mercoledì, Ottobre 20

Pompei e il vento di Franceschini field_506ffb1d3dbe2

0
1 2 3


Le linee fondamentali del Grande Progetto Pompei mirano alla riqualificazione del sito archeologico di Pompei entro la fine del 2015: con la riduzione del rischio idrogeologico, la messa in sicurezza dei terrapieni non scavati; la messa in sicurezza delle insulae; il consolidamento e restauro delle murature; il consolidamento e restauro delle superfici decorate; la protezione degli edifici dalle intemperie, con conseguente aumento delle aree visitabili; il potenziamento del sistema di videosorveglianza.

Per le finalità indicate è istituito ad ottobre 2011 il ‘Gruppo di lavoro per la legalità e la sicurezza del Progetto Pompei’ denominato più semplicemente Gruppo di Lavoro ( Steering Committee) coordinato da un Prefetto e costituito da : un rappresentante del Ministro della coesione territoriale, un rappresentante del Ministero per i beni e le attività culturali, un rappresentante del Ministero dell’istruzione, dell’università e della ricerca, un rappresentante dell’Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture, un rappresentante della Prefettura – UTG di Napoli.

Da quando sono iniziati i lavori si può dire che il 2015 è l’anno delle maggiori soddisfazioni sia per il numero dei cantieri conclusi che per il numero sempre crescente di visitatori che nel primo semestre 2015 ha raggiunto 1.329.844 con un incremento rispetto allo stesso periodo del 2014 di ben 163.753 unità.
Nel 2015 sono state riaperte la Villa dei Misteri a marzo, il 30 luglio la Basilica dopo gli interventi della messa in sicurezza, mentre è del 2 agosto l’ampliamento del percorso di visita di Villa Arianna dopo gli interventi di restauro, alcuni ambienti della Villa, tra cui quelli termali, finora non visitabili. I lavori di Villa Arianna, iniziati nel 2010 curati dell’équipe di restauratori dellHermitage di San Pietroburgo e dai restauratori dell’Ufficio scavi di Stabia, sono consistiti in interventi di scavo archeologico, restauro e rilievo.

Questi cantieri ultimati hanno interessato i media mondiali restituendo una nuova immagine dell’impegno delle Istituzioni riguardo lo scavo archeologico di Pompei, lavori svolti con il rigore e la trasparenza dovuti al luogo, simbolo di cultura e testimonianza delle forza distruttrice del Vesuvio, che ha annientato tante vite.

Grande attesa e massima visibilità mediatica per la riapertura della Palestra Grande con gli affreschi di Moregine, avvenuta il 3 agosto, presentata dal Ministro Dario Franceschini insieme al Presidente della regione Campania Vincenzo De Luca, il soprintendente dell’area archeologica  Massimo Osanna, ed il sindaco di Pompei Ferdinando Uliano.
Franceschini si è detto orgoglioso di questo ulteriore passo avanti, e dopo il plauso degli ispettori dell’Unesco ha commentato che :”Su Pompei è cambiato il vento, non sarà qualche episodio negativo a cancellare la forza formidabile di questo lavoro” riferendosi all’ultimo sciopero dei lavoratori che il 24 luglio hanno bloccato il sito archeologico, impedendo l’accesso ai turisti.

Le novità che riguardano Pompei includono anche la prima edizione di ‘Pompei un’emozione notturna’ da oggi 5 agosto al 27 settembre con visite serali, incontri culturali e contributi multimediali. Inoltre attivato il progetto ‘Pompei per tutti’ un percorso di visita facilitato che consentirà anche a persone con difficoltà motorie di visitare l’area archeologica attraverso un agevole e sicuro itinerario turistico che si sviluppa dall’ingresso di Piazza Anfiteatro al Tempio di Venere, con punti informativi dal 3 al 14 agosto per illustrare il progetto.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->