giovedì, Dicembre 9

Poker che passione: anche i VIP amano il bluff Famosi e non, sembra proprio che il poker riesca a regalare la stessa scarica di adrenalina a tutti gli appassionati, indipendentemente dal loro status economico

0

Spesso si sente parlare della poker face, ossia della capacità di non far trasparire le emozioni attraverso il proprio volto. Un’abilità fondamentale nei tavoli da poker per non dare agli avversari la possibilità di ‘leggere’ le proprie carte. Forse per questo, tanti personaggi dello spettacolo amano sfidarsi al tavolo verde. Che sia per passione o beneficenza, un numero sempre maggiore di celebrità rivela l’interesse per il gioco del poker attraverso i canali social. Il fatto di non ambire alla vincita monetaria sembra non diminuire la loro voglia di sfida, infatti sono soprattutto gli sportivi a misurarsi con i professionisti del settore. Che sia poker, blackjack o scommesse sportive, sulle piattaforme online moderne come Campobet non è raro incontrare vere celebrità ai tavoli, spesso nascoste dietro fantasiosi nickname.

Lavorare nel competitivo mondo dello spettacolo sembra aver affinato le abilità al tavolo di alcuni attori di Hollywood. Un gruppo di amici che amano sfidarsi a Texas Hold’em comprende: Matt Damon (che ha iniziato dopo la partecipazione al film cult sul mondo del poker ‘Rounders’), Leonardo di Caprio, George Clooney (che sfrutta l’abilità acquisita durante i film della saga Ocean’s) e Ben Affleck (che sembra essere dotato di una vera mente matematica). Personaggi che spesso si sono incrociati anche durante iniziative di beneficenza legate al gioco, insieme ad altri colleghi come Tim Robbins ed Edward Norton.

Fonte: Pexels

Nessuno pensi che il poker sia solo un affare tra uomini, anzi, alcune attrici e starlette se la cavano davvero bene. Una assidua frequentatrice delle poker room è Goldie Hawn, con i suoi immancabili occhiali neri. Ma anche Pamela Anderson (che sembra abbia sposato Rick Salomon per onorare un debito di gioco), Drew Barrymore, Jennifer Lopez e Paris Hilton (che nel 2006 puntò la sua Bentley rosa da 185 mila dollari e la perse). Un vero talento sembrerebbe essere Cameron Diaz che introdotta dall’amica Ellen De Generes a un evento tra Vip sbancò il tavolo battendo tutti i colleghi.

Chi respira competizione sportiva per mestiere come i calciatori non può esimersi dal giocare a poker per piacere. Infatti, oltre ad aver prestato i loro volti come testimonial dei brand più prestigiosi del settore, sono tanti gli sportivi a rimanere affascinati dal gioco. Uno dei più famosi è il brasiliano Neymar che non ne fa segreto, anzi, spesso si mostra sui social in appassionanti sfide con amici e durante le sue sessioni online. Ancora più coinvolto è lo spagnolo Gerard Piqué, una presenza fissa nelle poker room di Barcellona dove ha ottenuto anche un prestigiososecondo posto alla tappa spagnola dell’European Poker Tour del 2019. Tra gli italiani il più appassionato di tutti sembra essere Gianluigi Buffon, vero amante di poker e scommesse. Ma anche Bobo Vieri, che recentemente ha ricevuto i complimenti di due stelle del poker italiano: Dario Minieri e Luca Pagano. Ai tempi di Francesco Totti, invece, si raccontava che il ‘Pupone’ desse vita a lunghe sfide di gioco con i compagni di ritiro. Tra gli ex del nostro campionato spiccano il fenomeno Ronaldo, Andriy Shevchenko e l’ex del parma Tomas Brolin, diventati dei veri poker player professionisti.

Famosi e non, sembra proprio che il poker riesca a regalare la stessa scarica di adrenalina a tutti gli appassionati, indipendentemente dal loro status economico.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->