mercoledì, Giugno 23

PNRR e investimenti: risultati ‘qui ed ora’ L’evidenza degli investimenti obbligherà lo Stato, le regioni e i comuni a sviluppare modalità di evidenza dei risultati e di valutazione d’impatto. Cultura non molto diffusa in Italia

0

Il totale dei miliardi di euro di investimento del PNRR (Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza) è 235,12 di cui 30,6 di fondo complementare (Fondo integrativo nazionale cioè euro degli Italiani), 13,00 di React EU (Fondi aggiuntivi per la politica di Coesione) e 191,50 di finanziamenti per il PNRR di base (fonte EU). E’ necessario precisare che il termine investimento è usato sia per investimenti strutturali e di beni che sviluppano ‘cose tangibili e strutturali’, hard ware ecc. sia per investimenti in sviluppo di know how, software con connotazione metafisica. Il PNRR cambia alcune prospettive temporali nelle politiche d’investimento dettate da esigenze di processo.

Noi siamo abituati a coniugare l’investimento con il lungo termine; con il PNRR si modifica questa questa relazione stretta perché uno dei criteri necessari per poter incassare i finanziamenti per gli investimenti è che ogni 6 mesi ci sia una verifica da parte della UE dello Stato Avanzamento Lavori (SAL) e qualora non ci siano evidenze in progress di risultati pattuiti ex ante e raggiunti, non si continua l’erogazione dei finanziamenti.

Noi abbiamo sempre trovato nella formula del lungo termine (5 anni), la possibilità di lasciare al ‘rush finale’ l’evidenza del buon risultato mentre ora il processo sarà una filiera costante di buoni risultati. Quindi, le strutture abilitanti del processo di ‘riforme abilitanti del PNRR’ devono evidenziarsi in funzione di una progettazione con indicatori, una verifica ‘in progress ed in itinere’ e una valutazione d’impatto ex post a date diverse e costanti dal 2022 al 2025.

Tutto questo in relazione con gli esiti delle ‘riforme settoriali-innovative’ da adottarsi entro scadenze già promesse e segnalate alla UE e sgranate nei vari anni (per esempio, legge delega di riforma fiscale entro Luglio 2021; riforma organizzazione del sistema scolastico entro Dicembre 2021; interventi contro il dissesto ecologico entro metà 2022; Legge quadro sulla disabilità e legge quadro degli interventi per anziani non autosufficienti entro Marzo 2023; Legge quadro della concorrenza entro il 2024 e così via).

Quindi, investimenti in conto capitale, in spesa corrente ed in condizioni reali che attuino le riforme scritte nel PNRR che sono state promesse a condizione indispensabile perchè lo sforzo di cambiamento del “sistema Italia sia sincrono con il cambiamento del mondo”. Nelle tabelle esplicative allegate al PNRR si leggono le seguenti parole- concetto:

La filiera informativo concettuale parte dalle 6 missioni del PNRR (Digitalizzazione, innovazione e competitività del sistema produttivo; Rivoluzione verde e transizione ecologica; Infrastrutture per la mobilità; Istruzione, formazione, ricerca e cultura; Equità sociale, di genere e territoriale; Salute) e si sviluppa in componenti di investimento suddivisi in 2 tipologie: investimento per le strutturazioni prevalentementehard’; riforme che attendono a strutturazionisoft’; quindi la descrizione sintetica dell’intervento con l’importo del finanziamento del PNRR ed, in seguito, i tags del CLIMATE (influenza sull’ambiente e sul clima) e DIGITAL (influenza sull’evoluzione digitale del contesto) che ineriscono alla quantità di investimenti in euro e in percentuale rispetto allo stanziamento originario della colonna importo.

Un esempio sintetico: la missione 5 si sviluppa, fra le altre, nella componente 3 che annovera un investimento per interventi per Zone Economiche Speciali (ZES) per un importo complessivo 63 milioni di euro di cui 25 a ricaduta sul CLIMATE (40%) e 0,00 ricaduta sul DIGITAL’.

Mi si permetta una nota a margine ricordando che la Commissione Europea afferma che  per implementare le riforme è necessario che l’opinione pubblica abbia il senso di proprietà delle riforme e cioè l’’ownership’. Penso che le riforme del PNRR, almeno in questa fase, abbiano molte difficoltà ad essere percepite dall’opinione pubblica considerando la non facile articolazione concettuale ed il linguaggio usato.

Gli investimenti strutturali sono prevalentemente focalizzati nella missione delle ‘Infrastrutture per una mobilità sostenibile’: rete ferroviaria, collegamenti ferroviari ad alta velocità verso il Sud e trasversalmente (da Napoli a Bari, da Palermo a Catania, l’alta velocità verso l’Europa, potenziamento ed elettrificazione delle Ferrrovie del Sud, sicurezza stradale, sistema portuale, sistemi aeroportuali ecc.). Tutto questo vale un finanziamento di 31 mld di euro.

L’evidenza degli investimenti è corredata sempre dallo schema della tabella esposta precedentemente e, in sintesi, obbligherà lo Stato, le regioni e i comuni a sviluppare modalità di evidenza dei risultati e di valutazione d’impatto. Cultura non molto diffusa in Italia.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

Professore associato di Economia delle aziende e delle amministrazioni pubbliche presso l'Istituto di Pubblica Amministrazione e Sanità (IPAS). Direttore del Master in Management delle aziende cooperative e imprese sociali non profit (NP&COOP). Docente senior dell' Area Public Management & Policy della SDA Bocconi. Membro del comitato scientifico della rivista Non Profit, Maggioli Editore. Membro del comitato medico-scientifico della rivista Vivere oggi del Comune di Milano. Membro del comitato scientifico della rivista Azienda Pubblica, Maggioli Editore. Fondatore e promotore della collana "Aziende non profit. Strategie, struttura e sistema informativo", EGEA, Milano. Membro dell'editorial advisory committee di Health Marketing Quarterly e del Journal of Professional Services Marketing, The Haworth Press, Inc., Binghamton, New York. Membro del comitato scientifico dell'Unione Nazionale Imprese di Comunicazione, UNICOM. Membro dell'Associazione Italiana di Economia Sanitaria, AIES. Membro dell'Osservatorio Camerale Economia Civile, Camera di Commercio di Milano. Membro del comitato scientifico dell'Associazione Italiana Fundraiser di Forlì, ASSIFF. Membro del Consiglio di Gestione della Fondazione a sostegno della solidarietà sociale Umanamente, gruppo RAS. Membro del comitato etico di Coop Lombardia, Milano. Membro del comitato etico di Investietico, BPM Milano. Membro del comitato scientifico dell'Associazione Italiana della Comunicazione Pubblica e Istituzionale.

End Comment -->