mercoledì, Giugno 16

PNRR e anziani: ‘quote silver’ rimediali Se non si riconosce che gli over 65 possono giocare un ruolo attivo nel sistema Paese, si rischia di contravvenire alle ‘pari opportunità generazionali’ del PNRR che è focalizzato solo sui giovani

0

Perché questo titolo? Porre rimedio a che cosa? Al fatto che nel PNRR (Recovery plan e Recovery Fund) il tema degli anziani non si affronta se non in modo indiretto. Ci sono i giovani e non gli anziani. Può essere, considerando che i giovani sono il futuro e gli anziani sono il passato, ma forse è necessario trovare qualche difesa istituzionale non per rivendicare, ma per mantenere il ruolo importante degli anziani.

Nel 2050 i cittadini italiani over 65 saranno circa 20 milioni cioè più di un terzo della popolazione totale. Circa 8 milioni di over 65 avranno una patologia cronica e nel 2030 circa 4.5 milioni vivranno da soli ed in solitudine. Le donne saranno in significativa maggioranza con  maggiori problemi di salute negli ultimi anni di vita. Ovviamente tutto questo assorbe risorse economiche nonché investimenti per gestire le criticità. Anche se la speranza di vita ha avuto una flessione, per cui la mortalità registrata nel corso dell’anno 2020 provocherebbe una perdita di circa 2,4 anni (da 83,7 a 81,2), il dato è che gli over 65 sono una realtà e non possiamo condannarla all’’eutanasia di contesto’ cioè un ecosistema che ti offre sempre meno servizi e condizioni di vita normale e ti porta all’eutanasia. Pessimismo?Sfiducia? Non so, ma guardiamo il PNRR.

Nelle tabelle esplicative allegate al PNRR troviamo alla Missione 5 l’impegno a fare la ‘Riforma degli interventi in favore degli anziani non autosufficienti’ ed un investimento di 500 milioni di euro per il ‘Sostegno alle persone vulnerabili e prevenzione dell’istituzionalizzazione degli anziani’ (in sintesi non andare in RSA e stare a cara); in seguito al punto 1.1.2 …’Azioni per una vita autonoma  e deistituzionalizzazione per gli anziani’ con uno stanziamento con 310 milioni di euro. Riassumendo, gli anziani sono destinatari diretti di 810 milioni di euro su 235 miliardi di euro. Può essere, anche se stiamo parlando, ad oggi, di un quarto della popolazione italiana.

Indirettamente il PNRR, nella logica del welfare universalistico italiano, considererà i bisogni e la domanda di servizi sanitari, socio-assistenziali e sociali compresi nei circa 23 miliardi di euro della sanità. Appare chiaro che gli over 65 dovranno avere delle rappresentanze focalizzate sulla difesa dei diritti e doveri di questo cluster di popolazione.

Questi dati sottolineano l’esigenza di un focus istituzionale e di gestione del tema ‘silver’ e over 65. Per chi ha esperienza di governance delle istituzioni pubbliche e delle imprese, la presenza di persone over 65 è variegata e va riducendosi. E questo sarebbe positivo (largo ai giovani), ma diventa critico se pensiamo che quel 30/40% di over 65 è lasciato spesso indietro non tanto per scelta di politica assistenziale di orientamento, ma per non attivazione di azioni che potrebbero strutturare meglio il ruolo di quei cittadini. Credo che la scelta di avere una componente indipendente specializzata sul target silver/anziani nella governance delle aziende pubbliche, delle aziende speciali, delle utilities, delle imprese Spa e Srl possa essere una scelta funzionale e di efficacia per il sistema anche nell’allocazione degli investimenti del PNRR. Negli altri Paesi si chiama ‘shareholders advocacy’ ed è prassi diffusa. Potrebbe essere una sorta di ‘quota silver’.

Cioè la tutela degli azionisti della società civile tramite la cessione di quote azionarie oppure offrendo la loro rappresentanza (o ambedue) nel consiglio di amministrazione (cda) della Spa. Quindi rappresentanti di interessi di ‘gruppi affini sociali’ (‘social affinity group’) o di ‘valorialità sociale del sistema’. Per esempio gli anziani, i disabili, la tutela dell’ambiente, il rispetto delle pari opportunità e così via. Gli sportelli tradizionali dei comuni rispondono con questo portfolio di servizi: affido anziani, centri diurni, custodi sociali, gestione patrimoni degli anziani, laboratori occupazionali, pensione di invalidità civile, RSA, badanti, ecc.

Ma ad essi, in considerazione di un ruolo sempre più attivo degli over 65, aggiungere azioni di imprenditorialità silver (‘active ageing’), organizzazione di attività di volontariato di popolazione matura ed anziana (54-80 anni) che offrono cure formali, cittadinanza attiva e coprono un pezzo della filiera di risposta ai bisogni dei malati potrebbe e dovrebbe essere un disegno istituzionale acquisito. E non stiamo parlando del ruolo dei nonni nei confronti dei nipoti di cui si è vista la drammatica importanza in eraCOVID ed il cui controvalore è immenso.

Ed è aperto anche il tema dell’integrazione giovani e silver sui posti di lavoro con l’adozione del reciprocal mentoring’. E poi la tutela del consumatore anziano e così via. Se non si riconosce che gli over 65 possono giocare un ruolo attivo nel sistema Paese, si rischia anche di contravvenire allepari opportunità generazionalidel PNRR che è focalizzato solo sui giovani. Si potrebbe obiettare che il Recovery Plan è nell’ottica delle generazioni future (Next Generation EU), ma allora bisogna avere il coraggio di dire che ¼ (domani 1/3) della popolazione odierna deve arrangiarsi e quindi è necessario che si strutturi un ‘fai da te’ dei silver. E’ una sfida.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

Professore associato di Economia delle aziende e delle amministrazioni pubbliche presso l'Istituto di Pubblica Amministrazione e Sanità (IPAS). Direttore del Master in Management delle aziende cooperative e imprese sociali non profit (NP&COOP). Docente senior dell' Area Public Management & Policy della SDA Bocconi. Membro del comitato scientifico della rivista Non Profit, Maggioli Editore. Membro del comitato medico-scientifico della rivista Vivere oggi del Comune di Milano. Membro del comitato scientifico della rivista Azienda Pubblica, Maggioli Editore. Fondatore e promotore della collana "Aziende non profit. Strategie, struttura e sistema informativo", EGEA, Milano. Membro dell'editorial advisory committee di Health Marketing Quarterly e del Journal of Professional Services Marketing, The Haworth Press, Inc., Binghamton, New York. Membro del comitato scientifico dell'Unione Nazionale Imprese di Comunicazione, UNICOM. Membro dell'Associazione Italiana di Economia Sanitaria, AIES. Membro dell'Osservatorio Camerale Economia Civile, Camera di Commercio di Milano. Membro del comitato scientifico dell'Associazione Italiana Fundraiser di Forlì, ASSIFF. Membro del Consiglio di Gestione della Fondazione a sostegno della solidarietà sociale Umanamente, gruppo RAS. Membro del comitato etico di Coop Lombardia, Milano. Membro del comitato etico di Investietico, BPM Milano. Membro del comitato scientifico dell'Associazione Italiana della Comunicazione Pubblica e Istituzionale.

End Comment -->