sabato, Dicembre 4

PNRR: ‘città capoluogo’ VS ‘città metropolitane’? I sindaci chiederanno i finanziamenti per la loro città elettorale o per la loro città istituzionale giuridica cioè la ‘città metropolitana’?

0

PNRR è ormai un acronimo costante e quasi invasivo in tutti i progetti dell’Italia a breve ed a medio lungo periodo. E’ una premessa implicita e salvifica. Il partito dei sindaci vuole giocare un ruolo e trovare opportunità di finanziamento. Inoltre, esiste l’articolazione delle città metropolitane, che vale circa 21.5 milioni di cittadini (36.2% sulla popolazione italiana), che rischia di stare nel limbo: infatti, se si domanda qual è la reale consistenza dei finanziamenti richiesti dalle ‘città metropolitane’ e dalle ‘città capoluogo’ (si veda tabella sotto), l’interrogativo viene spontaneo e si fa complicato o complesso. Nel primo caso di difficile soluzione, nel secondo caso semplificabile.

Prendiamo il caso Milano. Il sindaco Sala, da subito, ha fatto una missione concreta a Roma per illustrare e per spiegare le richieste di finanziamenti PNRR (le richieste ipotizzate sono di   4.7 miliardi di euro ca. con una articolazione per Ambiente  2.4 miliardi ca., Mobilità  1.3 miliardi  ca,Sociale  407 milioni ca, Cultura 356 milioni ca , Scuola 240 milioni ca e Digitale 55 milioni ca.). Il ‘nostro sindaco’ deve essere ovviamente attento a tutti i bisogni dei cittadini ai quali può rispondere con gradazioni diverse in funzione dei bisogni, delle risorse esistenti, ma anche della base elettorale che lo ha eletto.

Con il PNRR si vedrà e sarà anche la ‘cartina di tornasole’ su alcune aree. A Milano città capoluogo, per esempio, c’è una dote PNRR di 85 milioni di euro che bisogna investire velocemente perchè alla fine del 2023 ci sono le verifiche dei primi risultati raggiunti. Sottotraccia, però, c’è una domanda: il ‘nostro sindaco’ è anche sindaco della città metropolitana e quindi la prospettiva dei finanziamenti PNRR sarebbe decisamente diversa. La città metropolitana di Milano è composta da 133 comuni con una popolazione di 3.279.944 abitanti. Milano è parte della città metropolitana con ca.1.4 milioni di abitanti. Googlerando si trova una bozza di accordo fra il sindaco della Città Metropolitana di Milano ed i sindaci dei comuni appartenenti in cui si riconosce che “Nell’ambito degli accordi attuativi, da approvarsi con deliberazione dei rispettivi consigli, può essere prevista la delega di funzioni da parte degli enti partecipanti all’accordo a favore della ‘città metropolitana’, che quindi opera in luogo e per conto degli enti deleganti.”

C’è una domanda banale: i 4.7 miliardi del PNRR sono per la ‘città metropolitana’ o solo per Milano? Quali sono le deleghe di funzioni conferite dai 133 comuni? E’ indubbio che gli investimenti per l’ambiente, per la mobilità ecc. hanno riflessi su Milano come ‘città metropolitana’. Quale il valore condiviso? Il partito dei sindaci delle città capoluogo e delle città metropolitane (che sono 14) hanno una priorità elettorale nel chiedere finanziamenti per la propria città, ma nel contempo hanno il dovere istituzionale di creare progetti metropolitani. Queste sono le città metropolitane:

 

 

 Città Metropolitana

Popolazione
residenti
al 01/01/2021

Numero
Comuni

Denominazione  Comune capoluogo 
 1.  

Città Metropolitana di 

BARI

Bari
(313.003 ab.)

1.222.818

41

 2.  

Città Metropolitana di 

BOLOGNA

Bologna
(394.463 ab.)

1.019.539

55

 3.  

Città Metropolitana di 

CAGLIARI[2]

Cagliari
(149.474 ab.)

420.117

17

 4.  

Città Metropolitana di 

CATANIA[3]

Catania
(294.298 ab.)

1.066.765

58

 5.  

Città Metropolitana di 

FIRENZE

Firenze
(359.755 ab.)

986.001

41

 6.  

Città Metropolitana di 

GENOVA

Genova
(558.930 ab.)

816.916

67

 7.  

Città Metropolitana di 

MESSINA[3]

Messina
(225.546 ab.)

609.223

108

 8.  

Città Metropolitana di 

MILANO

Milano
(1.397.715 ab.)

3.249.821

133

 9.  

Città Metropolitana di 

NAPOLI

Napoli
(940.940 ab.)

3.017.658

92

10.  

Città Metropolitana di 

PALERMO[3]

Palermo
(640.720 ab.)

1.214.291

82

11.  

Città Metropolitana di 

REGGIO CALABRIA

Reggio Calabria
(173.456 ab.)

526.586

97

12.  

Città Metropolitana di 

ROMA CAPITALE

Roma
(2.783.809 ab.)

4.227.588

121

13.  

Città Metropolitana di 

TORINO

Torino
(848.196 ab.)

2.212.996

312

14.  

Città Metropolitana di 

VENEZIA

Venezia
(255.609 ab.)

842.942

44

Città Metropolitane

21.433.261 

 

1.268 

% su Italia

36,2% 

– 

16,0% 

Italia

59.257.566 

 

 

7.904 

 


Domanda: i sindaci chiederanno i finanziamenti per la loro città elettorale o per la loro città istituzionale giuridica cioè la ‘città metropolitana’? In un recente rapporto ‘Ance’ sui 108 miliardi destinati alle infrastrutture da PNRR (sfera edilizia), si nota una disparità fra i fondi già destinati alle tre più grandi città italiane: a Roma 1.7447,5 milioni, a Napoli 980,8milioni, a Milano 677,9milioni con evidenti differenze .Se poi dovessimo guardare il dato procapite, avremmo: 647euro per ogni cittadino romano, 980euro per il napoletano e 484 per il milanese. La differenza diventa ancor più evidente se dovessimo fare il calcolo sugli abitanti delle tre ‘città metropolitane’. Una battaglia a tutto campo?

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

Professore associato di Economia delle aziende e delle amministrazioni pubbliche presso l'Istituto di Pubblica Amministrazione e Sanità (IPAS). Direttore del Master in Management delle aziende cooperative e imprese sociali non profit (NP&COOP). Docente senior dell' Area Public Management & Policy della SDA Bocconi. Membro del comitato scientifico della rivista Non Profit, Maggioli Editore. Membro del comitato medico-scientifico della rivista Vivere oggi del Comune di Milano. Membro del comitato scientifico della rivista Azienda Pubblica, Maggioli Editore. Fondatore e promotore della collana "Aziende non profit. Strategie, struttura e sistema informativo", EGEA, Milano. Membro dell'editorial advisory committee di Health Marketing Quarterly e del Journal of Professional Services Marketing, The Haworth Press, Inc., Binghamton, New York. Membro del comitato scientifico dell'Unione Nazionale Imprese di Comunicazione, UNICOM. Membro dell'Associazione Italiana di Economia Sanitaria, AIES. Membro dell'Osservatorio Camerale Economia Civile, Camera di Commercio di Milano. Membro del comitato scientifico dell'Associazione Italiana Fundraiser di Forlì, ASSIFF. Membro del Consiglio di Gestione della Fondazione a sostegno della solidarietà sociale Umanamente, gruppo RAS. Membro del comitato etico di Coop Lombardia, Milano. Membro del comitato etico di Investietico, BPM Milano. Membro del comitato scientifico dell'Associazione Italiana della Comunicazione Pubblica e Istituzionale.

End Comment -->