sabato, Settembre 18

Pneumatici, le grandi case si sfidano sugli all season

0

Si possono usare tutto l’anno, nel pieno rispetto delle regole sulla circolazione; garantiscono prestazioni affidabili sia con il caldo che con il freddo; mettono al sicuro da eventuali rovesci climatici improvvisi, nonché dalle difficoltà di guida su neve e ghiaccio; rappresentano una soluzione di risparmio, perché consentono di superare il problema del cambio stagionale. Queste sono solo alcune delle motivazioni che stanno decretando il successo degli pneumatici all season, la tipologia di copertura per auto che al momento sembra essere sulla cresta dell’onda e in testa alle scelte sia dei guidatori che delle stesse case produttrici, che competono a suon di innovazioni.

Un’ampia scelta. Solo negli ultimi dodici mesi, infatti, il mercato ha assistito a un vero e proprio boom di questo segmento, con la competizione avviata dalla Michelin con i suoi Cross Climate, seguita poi dai Goodyear Vector 4Seasons Gen-2 e da altre marche come Nokian Weatherproof e Pirelli Cinturato All Season. Come si può vedere su Euroimport Pneumatici, punto di riferimento per tutti coloro che sono alla ricerca di pneumatici di qualità al prezzo migliore del web, non c’è casa che ormai non abbia la sua soluzione nell’ambito delle gomme quattro stagioni. Ma come vanno veramente?

Sotto la lente dei tedeschi. Per rispondere a questa domanda ci affidiamo ai risultati dei test comparativi condotti dai tecnici di riviste specializzate del settore motori. La più recente indagine è stata svolta dal magazine tedesco Gute Fahrt‘, ha messo a confronto le prestazioni di nove modelli di pneumatici All Season, nella dimensione 205/55 R16 H/V, montati su un’auto Audi A3 e su una Volkswagen Golf (per le prove su neve), provando e valutando la risposta in dieci diverse categorie sia per le caratteristiche estive (come frenata su fondo asciutto e bagnato, handling, resistenza al rotolamento, livelli di rumorosità e comfort) che per quelle più specificamente invernali, come il comportamento sulla neve.

Il vincitore. La squadra di tester, alla fine della giornata, ha decretato come vincitore gli pneumatici Goodyear Vector 4Seasons Gen-2, unico a raggiungere la valutazione complessiva di “molto buono”, grazie in particolare all’esperienza raccolta nei decenni passati dal produttore americano, uno dei pionieri nel campo delle gomme quattro stagioni, che si concretizza in risultati mediamente migliori di quello dei rivali, garantendo migliori prestazioni in tutte le condizioni climatiche e di fondo, dall’asciutto al bagnato fino alla neve. Il giudizio dei tedeschi ha messo in evidenza, in particolare, l’eccellente livello di aderenza su strade asciutte e bagnate, la limitata reazione ai trasferimento di carico e il ridotto angolo di sterzata garantiti da questo pneumatico. A fare compagnia a Goodyear sul podio sono il Nokian Weatherproof e il Michelin CrossClimate, che raggiungono una raccomandazione finale di ” buono+”, pur con qualche nota critica, che nel caso dei Nokian riguarda il sottosterzo, mentre per la Michelin la risposta all’aquaplaning laterale.

La classifica. Seguono poi gli altri pneumatici all season, come l’Hankook Kinergy 4S, dalle riscontrate buone prestazioni estive e invernali, e l’Uniroyal All Season Expert, che abbina performance estive sufficienti a risultati molto buoni in quelle invernali. Voto inferiore (‘buono’) per altre gomme come Falken All Season AS 200, Pirelli Cinturato All Season e Vredestein Quatrac 5, che comunque raggiungono una valutazione positiva; solo sufficiente, infine, il giudizio complessivo sul Westlake All Seasons, soluzione proposta dal produttore cinese, che alterna buoni risultati su neve e nel test di handling sul bagnato a prestazioni inferiori agli altri prodotti nelle prove su bagnato e asciutto, specie in risposta all’aquaplaning.

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->