venerdì, Luglio 23

Più fondi contro il terrore

0

pakistan terrorismo

Bangkok – Islamabad chiede ulteriori forti quote di fondi per la lotta al terrore. Finora il Governo ha speso 48.14 miliardi di Rupie pakistane (circa 467.7 milioni di Dollari USA) durante gli ultimi cinque anni, tutti a favore delle agenzie civili destinate al rafforzamento delle difese nel corso della vera e propria guerra scatenata contro il terrorismo. L’informazione è stata rilasciata durante l’ora di question time svoltasi nella giornata di Lunedì.

Il dottor Mahreen Razaque Bhutto del PPP ha chiesto al Ministro degli interni circa la stima dei costi finora sostenuti dal Governo nei suoi sforzi per rafforzare le linee di difesa di Legge e delle agenzie preposte a questo settore nell’arco dell’ultimo quinquennio. L’Ente Territoriale di Islamabad Capitale ICT, secondo la risposta scritta resa disponibile dal Ministro degli Interni, Chaudhry Nisar Ali Khan, era in cima alla lista dei termini di fondi in via di ricezione nel Capitolo della lotta al terrorismo, 23.83 miliardi di Rupie pakistane. Questa cifra comprende il totale delle allocazioni di spesa per la Polizia della Capitale fin dal 2009. Poi c’è Khyber Pakhtunwa, dove il Governo ha speso 8.53 miliardi di Rupie pachistane. Le Aree Tribali di Amministrazione Federale FATA hanno ricevuto fondi separati per un valore di 3.45 milioni di Rupie pachistane. I Corpi di Frontiera FC hanno impiegato nel Khyber Pakhtunwa 1.955 miliardi di Rupie pachistane. I Rangers del Punjab hanno ottenuto 7.17 miliardi di Rupie pachistane.

Altre istituzioni che finora hanno ottenuto fondi per la lotta contro il terrore finora sono state AJK con 323 milioni di Rupie pachistane; i Rangers Sindh con 341 milioni di Rupie pachistane; la Guardia Costiera pachistana, Karachi con 36 milion8i di Rupie pachistane; FC Belucistan con 504 milioni di Rupie pachistane; l’Autorità Nazionale per la Lotta al Terrorismo NACTA con 227 milioni di Rupie pachistane; la Polizia del Punjab con 94 milioni di Rupie pachistane e la Polizia del Belucistan con 1.66 miliardi di Rupie pachistane.

Al di là degli infiniti discorsi ed illazioni che si potrebbero fare –e spesso si fanno- su quanti di questi fondi finiscano persi in strade difficili da descrivere per numerosità e varietà di destinazioni più o meno ufficiali e più o meno legali, permane il fatto che i fondi destinati alla lotta contro il terrorismo in una Nazione-cerniera rilevante qual è il Pakistan sembrano destinati a ingigantirsi sempre di più nel medio e lungo termine temporale. Il che induce più di qualche semplice timore nel Governo e nelle stesse Agenzie preposte alla lotta contro il terrorismo che pure godono ampiamente dei fondi loro destinati a tal scopo. Al netto di tutto ciò, permane anche l’aspetto dubbioso sulla efficacia della destinazione di tali fondi a fini di effettiva lotta contro il terrorismo e quanto invece, tutto questo sia ben poco utile per lo scopo delineatosi tra le menti degli operatori ministeriali dei Ministri pachistani in persona. Il Pakistan è potenza nucleare, al confine con l’India e territorialmente strategico agli occhi del terrorismo internazionale e locale, posto com’è tra Medio Oriente, Asia Centrale ed Asia Orientale.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->