venerdì, Aprile 23

Piace il caffè del Laos Il via ad una Federazione del Caffè in Asia, già partecipano Paesi come Thailandia, Vietnam e Myanmar

0

Coffe Dao-Heuang Group

Bangkok – Il più grande produttore di caffè del Laos, il Dao-Heuang Group, è sul punto di completare il processo di ingresso in Thailandia, che si completerà l’anno prossimo, attraverso un contratto di coltivazione del caffè su un’estensione di 1.000 rai (1 rai = 1.600 m² 1.000 rai = 16.000 m² ) nel Nord del Paese. Si tratta di un tassello della strategia complessiva della Società volta ad incrementare la propria capacità produttiva ed incontrare meglio la domanda una volta che –contestualmente- andrà a completarsi, sempre per l’anno prossimo, il processo di integrazione ASEAN, come peraltro confermato dalla Presidente della Società Boonheauang Litdang durante una conferenza stampa tenutasi nella giornata di ieri. Non caso l’affermazione-slogan della Presidente è stata: «Coltiveremo il caffè in Thailandia allo scopo di rispondere alla domanda crescente nelle Nazioni ASEAN».

Il Gruppo, facente parte della Federazione Caffè del Laos PDR, avvierà una partnership anche con la Federazione Caffè di Singapore ed altre associazioni similari per costruire letteralmente una Federazione del Caffè ASEAN nei prossimi due mesi. Tutto ciò è parte della strategia societaria per promuovere i prodotti correlati al prodotto base caffè realizzati nell’ASEAN per il mercato globale, come la stessa Società ha precisato e reso noto nell’ambito della conferenza stampa di presentazione della progettualità del Dao-Heuang Group. La stessa Presidente è poi andata avanti spiegando che il Gruppo sta anche pianificando di investire 20 milioni di Thai Baht in un impianto di torrefazione caffè a Ubon Ratchathani nel Distretto Warin Chamrap nel corso di quest’anno. Ciò segue il record di vendite in termini di caffè prodotto ed allocato per un controvalore di 20 milioni di Dollari USA (o 600 milioni di Thai Baht) in Thailandia lo scorso anno.

Il Gruppo sta anche pianificando di aprire il suo primo negozio chiamato Tea Room by Dao Coffee a Maggio per sostenere la crescita nel mercato del caffè thailandese allo scopo di raggiungere le vendite pari a 40 milioni di Dollari USA entro il 2018. Allo stesso tempo, la produzione del Gruppo Dao-Heuang con base in Thailandia dovrebbe coprire la domanda nella regione ed è parte del piano di Gruppo di incontrare il 20-30 per cento della crescita su base annua. Ma non è tutto. Il Gruppo, infatti, sta pianificando di aprire anche il suo primo free duty-shop in Vietnam per il prossimo anno per un valore di 10 milioni di Thai Baht. Dao-Hueang intende raddoppiare il target di crescita da 160 milioni di Dollari USA nel corso di quest’anno a 320 milioni entro il 2018. Più dell’80 per cento delle rendite complessive del Gruppo derivano dal suo business legato al caffè ed il resto dai suoi altri rami commerciali come i duty free, gli hotel, il settore degli affitti e delle vendite di proprietà nel Laos. Del suo totale complessivo nel ramo caffè, l’80 per cento deriva dall’export.

La società esporta caffè in Giappone, Stati Uniti, Europa, Cina, Vietnam, Myanmar e Cambogia. Al di là di tutto questo, la Compagnia laotiana sta anche programmando di spendere 3 milioni di Dollari USA investendoli in 10 ettari di caffè in Laos nell’anno in corso, dopo averne investiti 100 per realizzare una piantagione di caffè l’anno scorso. Con questi step tutti nella direzione dell’espansione, Dao-Hueang spera di essere iscritta nella Laos Security Exchange nei prossimi tre anni. Il Gruppo Dao-Hueang, considerato uno dei Marchi più grandi nel Laos ha interessi anche in affitti, vendite case, prodotti al consumo e tutte le attività correlate agli hotel, quindi il ramo alberghiero. E’ stato fondato il 1991 dal Dottor Hao Litdan a da sua moglie Leuang ed ha messo su joint ventures e contratti di distribuzione in altre Nazioni come Thailandia, Vietnam, Myanmar, Cina, Cambogia e Giappone. In Thailandia ha siglato una joint venture con Sum By Dee Co Ltd che importa il caffè Dao dal Laos ed ha anche aperto un outlet nel Thanya Shopping Park lungo la Srinakarin Road. Ma la Società sta programmando di aprire anche una Tea Room nel Siam Square One il mese prossimo.

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->