venerdì, Gennaio 28

Pescatori di corpi: ogni naufrago è un’isola

0
1 2


Ora sono al secondo episodio di quella che vuole essere una trilogia che ha per tema la clandestinità. ‘Pescatori di corpi’ è un film sull’indifferenza, in questo caso dei pescatori clandestini nei confronti dei migranti. Racconto il fenomeno migratorio da un altro punto di vista”. Un film duro, che inquieta, e questo senza fare ricorso a immagini crude, di morte e disperazione come mille volte siamo ormai abituati a vedere in notiziari e inchieste televisive: “Per scelta non mostro mai immagini fin troppo abusate di corpi che galleggiano e neppure degli sbarchi dei migranti”.

E’ molto semplice, il film, didascalico, perfino. Quelle giornate scandite dalle telefonate di Ahmed ai familiari rimasti intrappolati in Siria; i volti inespressivi e induriti di quell’equipaggio, che tra pesci e crostacei trova impigliati nelle sue reti gli indumenti di chi non ce l’ha fatta, e attende la chiamata della guardia costiera o della finanza per prendere parte ad eventuali salvataggi, ecco non hanno bisogno di alcuna ‘didascalia’: sono immagini forti per come sono, e ‘descrivono’ la quotidiana tragedia che si consuma in quel braccio di mare tra Sicilia e coste africane. Un mondo popolato da profughi disperati, naufraghi le cui vite sono sospese tra un passato fatto di fame, dolore, oppressione; e un futuro incerto e comunque difficile. E sotto quel mare, travolti da quelle onde, i corpi di centinaia, migliaia di persone.

Trilogia si diceva. “Ci sto già lavorando”, dice Pennetta. “Si intitolerà “L’oro del diavolo”: tratta dello stoccaggio dei rifiuti tossici nelle miniere di zolfo dismesse in provincia di Caltanissetta e Enna. Protagonista sarà la miniera con alcuni personaggi di contorno, un minatore clandestino, due ragazzi che cercano cave per stoccare i rifiuti e un pastore che vive vicino alla miniera. Mi sono basato sull’inchiesta di un giornalista di Palermo. Le riprese inizieranno nella primavera del 2017”.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->