martedì, Settembre 28

Pesca illegale, Indonesia: affondata la nave Viking La fine di oltre un decennio di bracconaggio di merluzzi nell'Oceano Antartico

0

Le autorità in Indonesia hanno affondato l’ultima delle navi adoperate per la pesca illegale, la Viking, bracconaggio, a Pangandaran. «Questa nave senza bandiera ha fatto pesca illegale, non dichiarata e non regolamentata in alcune parti del mondo, per un lungo periodo», ha detto il ministro della pesca e degli Affari marittimi Susi Pudjiastuti. Ad assistere all’affondamento della Viking i rappresentanti dell’organizzazione ambientalista Sea Shepherd, che finalmente vedono la fine di oltre un decennio di bracconaggio di merluzzi nell’Oceano Antartico, a cui ha messo fin e l’Operazione icefish. Il leader della campagna, il capitano Siddharth Chakravarty, ha detto: «Nell’arco di soli 15 mesi, Sea Shepherd ha ripulito l’Oceano del Sud dalla pesca illegale. Un problema che si è pensato fosse irrisolvibile per troppo tempo. Questo uno dei più grandi successi nella storia della conservazione delle risorse marine». I gruppo della Bandit 6, di cui faceva parte la Viking, ha sfruttato scappatoie del diritto internazionale per oltre dieci anni, continuano la sua pesca illegale. E ora finalmente la fine.

(video tratto dal canale Youtube di Euronews)

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->