venerdì, Settembre 17

Perù: la legge per la ricerca delle persone scomparse field_506ffbaa4a8d4

0

Il Congresso della Repubblica peruviana ha approvato una legge per la ricerca delle persone scomparse durante il periodo 1980-2000, che consente la possibilità di riesumare ed identificare i resti delle vittime, al fine di restituirli alle famiglie. «La legge crea un ufficio presso il ministero della Giustizia, che permette una politica più incisiva, per cercare le persone scomparse», spiega Rafael Barrantes, antropologo presso la sede del Comitato Internazionale della Croce rossa (CICR) in Perù. Poi, prosegue: «L’applicazione della legge dovrebbe significare maggiori investimenti, budget più elevato, e strategie diverse per trovare informazioni».

La difficile situazione nazionale del periodo compreso tra il 1980 e il 2000 era caratterizzata da un forte conflitto armato in Perù, dove, nella provincia di Huancavelica, sono iniziate a verificarsi esecuzioni e sparizioni forzate di persone ritenute contrarie al potere in carica, accusate di far parte di bande armate con finalità terroristiche. A quei tempi, era stato istituito perfino il coprifuoco, ed in numerose occasioni era una routine per l’esercito fare irruzione nelle abitazioni per compiere razzie, violentare le donne e picchiare chiunque si opponesse alle incursioni.

La legge costituisce un risvolto importante per le vicende di quel periodo. L’80% delle indagini erano state archiviate da parte del Pubblico Ministero, perché l’autorità ministeriale non ha individuato l’autore del reato e quindi non ha potuto ordinare le esumazioni. La legge, approvata con 68 voti, prevede lo sviluppo di un registro ufficiale delle persone scomparse e dei luoghi di sepoltura, e un piano per cercarli. Così, finalmente, un programma di ricerca, coordinato dal Ministero Pubblico, darà l’opportunità ai familiari di dare degna sepoltura alle vittime.

Inoltre, nel disegno di legge, si sostiene che, nel caso in cui vi è la prevalenza di disturbi psichiatrici, depressione e ansia tra i parenti dei scomparsi, la norma dispone che lo Stato deve fornire sostegno psicosociale e attrezzature e supporto logistico alle famiglie degli scomparsi per partecipare al sostegno delle esumazioni.

(Video tratto dal canale Youtube: Congreso de la República del Perú)

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->