mercoledì, novembre 14

Pertini, il combattente di cui abbiamo bisogno Barnum Italia. Leoni, funamboli, ippopotami e pagliacci / 23

0

Sandro Pertini sta sulle Alpi italofrancesi continuando la sua Resistenza tra i monti che conosce a menadito sin da ragazzo. E alla bellezza di centoventuno anni (è nato il 25 settembre 1896 a Stella, in provincia di Savona, Liguria) continua indefesso, anche se dietro le quinte, la sua battaglia politica e ideale. Il fatto che il 29 giugno 1985 sia stata annunciata la sua dipartita, e che nei giorni successivi si siano celebrati i suoi Funerali, e di Stato, non può essere preso seriamente sul serio da chiunque lo conoscesse un po’ di più. Pertini è ‘vivo’ (e non ‘lotta insieme a noi giusto perché tra ‘noi’ ce n’è ben pochi che lottino veramente. E se è per questo ormai neanche per finta).E il suo vivere nel ricordo e nell’ispirazione, nell’essere ancor oggetto di attenzione (e in qualche caso di venerazione) da parte di molti giovani che sono nati magari parecchi anni dopo che aveva deciso di andarsene (momentaneamente). E quanto se ne sente la mancanza, ideale e pratica, pragmatica e paradigmatica. Ché uomini come ‘Pert’ non ce ne sono quasi più.

Se un leone abbiamo avuto tra i Presidenti (con la minuscola, quello con la maiuscola ha lasciato non lieti ricordi) è proprio Pertini. Il partigiano-Presidente, come da indimenticabile canzone di Toto Cotugno (‘L’italiano’). E questo Pertini ‘vivo’ ci viene ben ricordato da ‘Pertini il combattente film documentario uscito nello scorso marzo (2018) realizzato da Graziano Diana e Giancarlo De Cataldo, magistrato, scrittore e drammaturgo. Tratto dall’omonimo libro di De Cataldo (‘Il combattente’) con videointerviste, materiale di repertorio, testimonianze, ricostruzioni e animazioni tratte dalla graphic novel di Manuelle Mureddu, racconta la figura del Presidente più amato dagli italiani. In carica dal 1978 al 1985Un viaggio alla scoperta di un grande politico attraverso racconti e dialoghi: Giorgio Napolitano, Emma Bonino, Gad Lerner, Eugenio Scalfari, Paolo Mieli, Domenico De Masi, Gherardo Colombo, Dino Zoff, Antonello Venditti, Ricky Tognazzi, Raphael Gualazzi

Le tappe più significative della vita di Pertini, sono per noi ammonimento, come ci ricorda anche il suo ironico avatar nelle vignette di Andrea Pazienza. E ci sono cose straordinarie in questa vita semplice0.’Pert’ ha attraversato il ‘900 affrontando le due guerre mondiali, il fascismo, vivendo il boom economico e gli anni del terrorismo. Sempre coerente con i propri ideali. Eletto l’8 luglio 1978, al 16º scrutinio, con 832 voti su 995, 82,3%, la più larga maggioranza della storia repubblicana, Pertini viene riportato alla nostra memoria da tante iniziative in corso. Ma più di altro dalla nostalgia di un combattente di cui avremmo, abbiamo, bisogno. Perché in fondo nostro nonno era Pertini, come quello di Marco Stella

Ciao, vecchio Pert, e bentornato. Grazie a Dio non te ne eri mai andato.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore

Giornalista. Editore con ‘La Voce multimedia’