mercoledì, Ottobre 27

Perchè usare una VPN? Cos' è? Quali sono i benefici? A chi rivolgersi per confrontare le migliori offerte disponibili sul mercato attualmente?

0

Innanzitutto che cos’è una VPN? Le parole che stanno dietro questo acronimo possono essere tradotte come “rete privata virtuale”, mentre le sue funzioni sono principalmente due. La prima è quella di cifrare il proprio segnale internet impedendo ad occhi indiscreti di vedere la vostra attività in rete. Mentre la seconda è quella di manipolare il vostro indirizzo IP, facendo sembrare che vi stiate connettendo da una località geografica diversa da quella reale.
Dato che ci sono molte aziende che offrono questo servizio, spesso risulta difficile capire a quale di queste affidarsi. Quindi ci sentiamo di consigliarvi il sito bestvpnrating.com per confrontare le migliori offerte disponibili sul mercato attualmente.

Per quanto riguarda i benefici di una VPN, possiamo affermare tranquillamente che ce ne sono molti. Il più popolare è lo scambio sicuro di file in P2P, com ad esempio i torrent. Siccome questo sistema di scambio viene utilizzato molto spesso per inviare e ricevere file protetti da copyright, le VPN sono molto popolari tra le persone che vogliono scaricare i torrent in maniera sicura e con la tranquillità di non essere osservati dal proprio internet provider o dalle autorità.
Un’altro beneficio delle VPN è che potrete connettervi a reti Wi-Fi pubbliche in totale sicurezza. In genere questo tipo di reti sono molto rischiose in quanto è molto facile anche per un hacker principiante infestarle con virus e programmi nocivi di ogni tipo.
Ma una VPN rende la vostra connessione cifrata, in questo modo siete sicuri di non scaricare nessun virus e di non mostrare ad altri dati sensibili come quelli della vostra carta di credito o documenti compromettenti.
Inoltre le VPN risultano popolari tra gli studenti ed i lavoratori che si trovano ad usare una connessione internet con particolari restrizioni su quali siti è possibile visitare. Questo tipo di software vi permetterà di connettervi su internet usando un’altra località e vi permetterà di aggirare qualsiasi restrizione sul vostro computer.

Poi c’è da considerare anche la censura della polizia postale. Il governo italiano può decidere di bloccare l’accesso a determinati siti che risultano non graditi alla classe dirigente od alle autorità. In realtà sulla lista nera ci sono abbastanza risorse che potrebbero essere utili agli utenti della rete, quindi una buona VPN può risolvere un fastidiosissimo grattacapo. Basta avviare il software e connettersi tramite un’altro paese e voilà, le i siti censurati sono di nuovo vivi e vegeti.
Alcuni uomini d’affari o persone che svolgono attività a rischio od a contatto con informazioni sensibili sono sicuramente interessate a mantenere le loro conversazioni private e non divulgare dati delicati ad occhi od orecchie indiscrete. Dato che essere hackerati è una possibilità del tutto plausibile, alcune persone si proteggono usando una VPN o scegliendone una gratis. Questo software infatti cifra la vostra connessione internet rendendo quasi impossibile hackerare le vostre conversazioni e rubarvi dati sensibili.
Infine una VPN è un modo molto pratico di rendere le vostre ricerche internet anonime ed impedire a vari siti internet di raccogliere molti dati su di voi.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->