Perché la paura di provocare Putin è la politica più provocatoria di tutte Dare all'Ucraina lo status di candidato invierebbe un potente segnale a Mosca che Kiev non è sola. Dimostrerebbe che il desiderio del popolo ucraino per un futuro europeo è eguagliato dai membri della stessa Unione Europea

Quando i leader dell’UE si incontreranno il 23 e 24 giugno, l’Ucraina sarà in cima all’agenda. Il prossimo vertice del Consiglio europeo dovrebbe adottare una decisione sulla concessione all’Ucraina dello status di paese candidato all’adesione all’UE, un passo chiave sulla lunga strada verso l’eventuale adesione al blocco delle 27 nazioni.

C’è un crescente senso di ottimismo a Kiev sul fatto che una svolta possa finalmente essere imminente. La Commissione europea ha annunciato il 17 giugno di raccomandare lo status di candidato per l’Ucraina. Durante una visita nella capitale ucraina il giorno prima, i leader di Francia, Germania, Italia e Romania hanno tutti espresso il loro sostegno all’offerta dell’Ucraina.

Sebbene lo slancio politico ora sembri favorire lo status di candidato per l’Ucraina, ci sono ancora segnali di scetticismo sull’adeguatezza del passo. Alcuni critici si chiedono se l’Ucraina abbia fatto abbastanza nella sua lotta alla corruzione per giustificare la mossa, mentre altri notano le priorità interne più urgenti dell’Unione europea o indicano la coda esistente di nazioni candidate in attesa di progressi nelle proprie offerte di adesione all’UE.

Per molti scettici, uno degli argomenti più potenti contro la concessione dello status di candidato all’Ucraina è il suggerimento che sarebbe visto come provocatorio dal Presidente russo Vladimir Putin. Affermano che potrebbe complicare ulteriormente gli sforzi per porre fine alla guerra scatenata dall’invasione russa dell’Ucraina il 24 febbraio. Questa paura di provocare Putin rappresenta una pericolosa lettura errata della situazione geopolitica che gioca direttamente in mano russa.

In realtà, non c’è niente di più probabile che incoraggi un’ulteriore aggressione russa di decisioni guidate dal desiderio di evitare di provocare Putin. L’incertezza di oggi sul futuro dell’Ucraina è un fattore chiave che consente a Putin di sognare di rioccupare il Paese. Incoraggia il dittatore russo e lo incoraggia a continuare la guerra credendo di poter porre fine alle speranze ucraine di integrazione europea e costringere il paese a tornare nell’orbita russa.

L’Ucraina ha imparato dall’amara esperienza che gli sforzi per evitare di provocare Putin hanno la tendenza a ritorcersi contro disastrosamente. Quando Volodymyr Zelenskyy ha conquistato la presidenza ucraina nella primavera del 2019, inizialmente ha fatto di tutto per evitare tutto ciò che avrebbe potuto essere interpretato come provocatorio mentre cercava di porre fine al conflitto ribollente nell’Ucraina orientale.

Durante i suoi primi diciotto mesi come Presidente, Zelenskyj evitò accuratamente i riferimenti diretti all’aggressione o all’occupazione russa. Ha anche fatto una serie di concessioni pratiche al Cremlino, incluso il ritiro unilaterale delle truppe. Lungi dal rispondere a tono, Mosca ha iniziato la distribuzione di massa di passaporti russi nell’Ucraina orientale occupata, rafforzando nel contempo la sua presa militare sulla regione.

Più di recente, la delegazione ucraina che ha partecipato ai colloqui di pace con la Russia a Istanbul alla fine di marzo 2022 ha annunciato di essere pronta ad abbandonare l’obiettivo strategico dell’Ucraina dell’adesione alla NATO. La Russia ha risposto a questa concessione chiave lanciando una nuova importante offensiva nell’Ucraina orientale e dichiarando la sua intenzione di incorporare intere regioni occupate dell’Ucraina meridionale nella Federazione Russa. Ancora una volta, Putin ha chiarito che considera qualsiasi sforzo non provocatorio come un segno di debolezza.

La stessa esperienza dell’Europa dovrebbe essere sufficiente per sfatare ogni mito sui presunti benefici di placare Putin. Nel 2008, i leader europei sono stati determinanti nel negare all’Ucraina e alla Georgia i piani d’azione per l’adesione alla NATO per paura di far arrabbiare Putin. In pochi mesi, la Russia invase la Georgia. Quattordici anni dopo, circa il 20% del Paese rimane sotto l’occupazione russa.

Quando la Russia ha invaso la Crimea e l’Ucraina orientale nella primavera del 2014, l’Europa ha esitato un’altra volta. Piuttosto che imporre severe sanzioni che avrebbero potuto costringere Mosca a ripensare la propria posizione, i leader europei hanno favorito politiche di compromesso, avvertendo sulla possibilità di ulteriori escalation. Ciò ha aperto direttamente la strada all’invasione su vasta scala del febbraio 2022 e al più grande conflitto europeo dalla seconda guerra mondiale.

Non ci sono scuse per continuare a ripetere questi errori. È tempo di riconoscere che solo un sostegno chiaro e risoluto all’integrazione europea dell’Ucraina può dissuadere la Russia dal perseguire una politica estera revisionista ed espansionista.

Dare all’Ucraina lo status di candidato invierebbe un potente segnale a Mosca che Kiev non è sola. Dimostrerebbe che il desiderio del popolo ucraino per un futuro europeo è eguagliato dai membri della stessa Unione Europea. Il pubblico europeo è particolarmente favorevole a questo passo. Secondo i recenti dati dei sondaggi, in Francia, Germania e Paesi Bassi c’è un forte sostegno per lo status di candidato ‘il prima possibile’. Tra coloro che hanno preso una decisione, l’idea gode del sostegno di oltre il 60% in tutti e tre gli Stati.

Al contrario, rifiutare la richiesta dell’Ucraina sarebbe un errore storico che non farebbe che aumentare l’appetito della Russia per un’ulteriore aggressione militare. Qualsiasi compromesso dell’UE sarebbe una potente vittoria propagandistica per il Cremlino. Sarebbe usato per demoralizzare la popolazione ucraina e rafforzare le affermazioni di Putin secondo cui il posto naturale dell’Ucraina è all’interno della sfera di influenza russa. Ciò indebolirebbe anche l’Unione europea nel suo insieme, creando l’impressione che Mosca abbia un veto non ufficiale su importanti decisioni dell’UE.

Ora è chiaro che le politiche guidate da una paura sbagliata di provocare Putin hanno di fatto provocato la più grande guerra europea dai tempi di Hitler e Stalin. Continuare lungo la strada della pacificazione e del compromesso non farà che peggiorare il problema. Invece, l’Europa deve dimostrare il tipo di forza che la Russia comprende e rispetta. Concedere all’Ucraina lo status di candidato all’UE senza alcuna precondizione sarebbe un passo importante nella giusta direzione.

 

 

 

 

 

La versione originale di questo intervento è qui.