mercoledì, Ottobre 27

Perché la Danimarca aiutava gli USA a spiare gli alleati europei? L’analisi di Amelie Theussen, Docente di Scienze politiche dell’University of Southern Denmark

0

“Le intercettazioni sistematiche di stretti alleati sono inaccettabili”, è stato un recente commento del ministro della Difesa danese Trine Bramsen. Eppure, sembra che questo sia esattamente ciò che ha fatto la Danimarca. Bramsen stava rispondendo alla segnalazione che rivelava che il servizio di intelligence della difesa danese (Forsvarets Efterretningstjeneste, o FE) aveva collaborato con l’Agenzia per la sicurezza nazionale (NSA) degli Stati Uniti per consentire lo spionaggio di diversi partner europei e stretti alleati.

Perché la Danimarca ha acconsentito a questa partnership? Perché consentirebbe alla NSA di utilizzare cavi dati danesi per spiare alti funzionari in Francia, Germania, Norvegia e Svezia, inclusa la cancelliera tedesca Angela Merkel?

Per un pubblico danese questo scandalo fa parte di una storia più lunga. Nel 2019, il consiglio indipendente che sovrintende ai servizi di intelligence danesi (Tilsynet med Efterretningtjenesterne, creato nel 2014 dopo le fughe di notizie di Edward Snowden) ha ricevuto informazioni sulla collaborazione della FE con la NSA. Il consiglio ha prodotto un rapporto nell’agosto 2020 criticando il servizio di intelligence per gravi illeciti.

Si sa ancora poco del rapporto strettamente confidenziale in quattro volumi del consiglio, che è stato presentato a Bramsen, ma il suo comunicato stampa ha criticato pubblicamente la FE per aver avviato ‘attività operative in violazione della legge danese, anche ottenendo e trasmettendo una quantità significativa di informazioni sui cittadini danesi’.

A seguito del rapporto, cinque alti funzionari dell’intelligence sono stati rimossi dall’incarico. Pochi mesi dopo, i resoconti dei media hanno rivelato che la collaborazione aveva consentito alla NSA non solo di spiare i funzionari dei Paesi vicini, ma anche i ministeri danesi e le società della difesa.

L’esatta natura delle informazioni recuperate e il modo in cui sono state utilizzate non è chiara, ma il fatto che siano state raccolte informazioni di questo tipo è in completo contrasto con lo scopo della FE di prevenire e contrastare le minacce agli interessi danesi.

I più recenti resoconti dei media suggeriscono in modo più dettagliato che la FE aveva collaborato con la NSA per consentire agli Stati Uniti di spiare i Paesi vicini tramite i cavi Internet danesi tra il 2012 e il 2014. È stato rivelato che la NSA stava mirando intenzionalmente a funzionari europei di alto rango, utilizzando i propri numeri di telefono come ‘selettori’ per identificare i dati di interesse.

La posizione geografica della Danimarca rende il Paese attraente per la NSA, non ultimo perché ospita diversi cavi sottomarini chiave per i Paesi vicini. Questi cavi possono essere utilizzati per ottenere informazioni non solo sull’accesso a Internet, chat e servizi di messaggistica, ma anche messaggi di testo e telefonate.

Quando si considera il motivo per cui la Danimarca si permetterebbe di diventare un canale di spionaggio contro i suoi alleati, vale la pena ricordare che, in quanto piccolo Paese, dipende dalle garanzie di sicurezza di altri Stati. La Danimarca si è strettamente allineata con gli Stati Uniti, la più grande superpotenza militare del mondo, non solo attraverso la NATO, ma anche a livello bilaterale. Per la Danimarca, la cooperazione con gli Stati Uniti e la NSA è cruciale, sia in termini di tecnologia che di accesso all’intelligence.

La FE dipende fortemente dalla NSA per combattere il terrorismo. Attraverso la NSA, ottiene l’accesso a tecnologie avanzate come il programma Xkeyscore, utilizzato per cercare e filtrare i dati grezzi dai cavi. Sembra inoltre che la FE avesse accesso alle informazioni sugli attacchi terroristici pianificati tramite la NSA.

Anche se da parte europea sono stati compiuti progressi per quanto riguarda l’aumento della cooperazione in materia di sicurezza e difesa, la Nato e in particolare gli Stati Uniti continuano a essere il più importante garante della sicurezza della Danimarca.

Dagli anni ’90, ma in particolare dall’11 settembre, la politica estera danese è stata descritta come ‘super-atlantica’, che dà la priorità alla costruzione di valori e interessi comuni con gli Stati Uniti. Questo “sostegno forte e apparentemente incrollabile per l’ordine mondiale americano” significa che la Danimarca è disposta a perseguire politiche costose e rischiose per sostenere la superpotenza“.

Inoltre, la Danimarca rimane in larga misura al di fuori della cooperazione in materia di sicurezza e difesa dell’Unione europea a causa della sua rinuncia alla difesa comune. Negoziato dopo che la popolazione danese ha respinto il Trattato di Maastricht in un referendum nel 1992, la rinuncia alla difesa comune impedisce al Paese di partecipare a quelle parti della politica estera e di sicurezza dell’UE che riguardano la difesa e qualsiasi cooperazione militare a livello dell’UE.

Ciò pone il rapporto con gli Stati Uniti (e la Nato) in prima linea nel processo decisionale danese in materia di sicurezza e difesa. Né l’UE (ancora) ha la forza di difendersi da Russia e Cina in caso di necessità, il che spiega in parte l’attrazione della partnership statunitense.

Il governo francese ha descritto le accuse contro la Danimarca come “estremamente gravi”, con il Presidente Emmanuel Macron che ha sottolineato che “questo non è accettabile tra alleati, e ancor meno tra alleati e partner europei”.

La Merkel è d’accordo, ma ha assunto un tono più conciliante, vedendo “una buona base non solo per la risoluzione della questione, ma anche per arrivare davvero a rapporti di fiducia”. Tuttavia, Peer Steinbrück, ex leader dell’opposizione tedesca e candidato alla cancelliera, lo ha definito uno scandalo politico.

Ancora più vicino a casa, il Primo Ministro norvegese Erna Solberg ha affermato che “è inaccettabile se i Paesi che hanno una stretta cooperazione alleata sentono il bisogno di spiarsi a vicenda”. Peter Hultqvist, ministro della Difesa svedese, ha chiesto “informazioni complete”.

Gran parte di questi eventi risalgono agli anni di Snowden, quando è stato rivelato che anche l’agenzia di intelligence estera tedesca ha collaborato con la NSA per spiare i suoi vicini. Resta quindi da vedere quanto danno sarà realmente fatto alle relazioni della Danimarca con il resto d’Europa. Un’indagine commissionata dal governo dovrebbe riferire più avanti nel 2021.

Tuttavia, può darsi che questo scandalo offra alla Danimarca l’opportunità di dare uno sguardo onesto alle sue priorità in materia di sicurezza e difesa e alle sue relazioni con gli alleati europei. Un recente sondaggio mostra che il 66% dei danesi ritiene che l’Europa non possa sempre fare affidamento sugli Stati Uniti e debba occuparsi delle proprie capacità di difesa. Ciò mette in discussione l’orientamento super-atlantico della Danimarca e suggerisce che i suoi partner strategici più importanti potrebbero trovarsi più vicini a casa.

 

 

Traduzione dell’articolo ‘Why did Denmark help the US spy on its European allies?’ da ‘The Conversation’

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.
End Comment -->