martedì, Maggio 18

Perchè ISIS usa Toyota? I pickup in quasi ogni video propagandistico dello Stato Islamico

0

A forza di vedere i video dell’Isis, ci fai caso per forza: ogni pick up utilizzato dai combattenti, in Libia, Iraq e Siria, è targato Toyota.
Il Dipartimento del Tesoro degli Usa sta indagando sulla strana ‘coincidenza’ che conta centinaia di veicoli della nota multinazionale giapponese. Intanto volano congetture. «Probabilmente sono state comprate, come i jihadisti hanno scelto e comprato i loro fucili e tutto il resto. Non si sono certo identificati come Isis, chi lo farebbe?», sostiene Jonathan Schanzer della Fondazione per la difesa delle democrazie.
Intanto dal Dipartimento fanno sapere che «Isis si comporta come una via di mezzo tra una corporazione mafiosa e una grande major e può benissimo aver comprato attraverso canali formali», sottolineando la presenza anche di altre marche di pick up, come la Plumbing prodotta in Texas.
Inoltre, già i talebani usavano Toyota: i più pratici, infatti, sottolineano che la scelta derivi solo dal fatto che questi mezzi si dimostrano particolarmente adatti allo stile di combattimento veloce e leggero dell’Isis. «Sono facilmente modificabili, più resistenti, e meglio equipaggiati sul lato posteriore, dove è possibile posizionare qualsiasi tipo di arma». Nessuno ha pensato al fatto che esiste pure la Toyota Isis …

(tratto dalla sezione Video della CNN)

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->