mercoledì, Giugno 16

Perché investire nella crescita? field_506ffb1d3dbe2

0

La produttività del lavoro diventerà quindi cruciale per la crescita economica, ma gli incrementi di produttività sono stati il ​​rallentamento a partire dalla rivoluzione industriale. C’è un dibattito in corso sul fatto che la produttività rallenterà ulteriormente in futuro, a causa di fattori quali vincoli invecchiamento, i cambiamenti climatici e delle risorse, o accelerare sul retro dei progressi tecnologici.

In assenza di crescita della produttività più veloce che abbiamo di fronte un quadro desolante di crescita strutturale significativamente più bassi, o addirittura di recessione persistente in molti paesi sviluppati. Intuitivamente, la crescita più bassa sembra essere negativa per i mercati azionari – utili aziendali dovrebbero crescere più o meno in linea con l’economia nel corso del tempo. Tuttavia, non vi è alcun chiaro legame tra i rendimenti storici di crescita del PIL e del mercato azionario.

Questo perché i rendimenti degli investitori sono guidate non da utili societari globali, ma da una crescita in valore delle azioni. Contrariamente alla credenza popolare, l‘utile per azione sono cresciuti storicamente non in linea con il PIL, in primo luogo perché la crescita non è qualcosa che accade alle aziende, che viene generato da aziende, e richiede un investimento di capitale. Le aziende di fondi di investimento attraverso l’emissione di azioni o di debito, o mantenendo profitti piuttosto che pagare fuori dividendi – ognuno dei quali riduce il rendimento totale per gli azionisti. Riacquisti, nuove imprese e non quotate, e di M & A guidare anche un cuneo tra profitti e ritorno per gli azionisti.

(tratto dal canale ‘Youtube’ di ‘Fox Business’)

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->