domenica, Maggio 22

Perché gli ucraini americani si impegnano a preservare la cultura ucraina e la sovranità nazionale L’esperienza di Katja Kolcio, Wesleyan University

0

Da bambina aspettavo con trepidazione che i miei genitori tornassero dai viaggi in Unione Sovietica. Spesso portavano regali come alcune pagnotte di pane nero sostanzioso o una forma di formaggio salato fatto in casa. A volte riportavano anche quaderni o pezzi di carta con versi scarabocchiati in ucraino.

Questi erano gli scritti di dissidenti e prigionieri politici il cui lavoro è stato bandito nel tentativo sistematico di cancellare la storia e l’espressione politica ucraine.

Per tutto il 20 ° secolo, le politiche zarista e poi sovietica hanno vietato la pubblicazione e l’istruzione in lingua ucraina.

Sotto il governo di Stalin, l’Unione Sovietica uccise almeno 750.000 artisti, scrittori, scienziati e intellettuali, oltre a cittadini normali, tra il 1936 e il 1938. La Grande Purga, come è noto, da allora è stata ben documentata. Ma la persecuzione sovietica degli ucraini e di altri cittadini dell’Europa orientale è continuata per il resto del XX secolo.

Gli ucraini fuggiti si sono sentiti responsabili della conservazione del patrimonio intellettuale e culturale del loro paese natale. I miei genitori erano tra quelli della diaspora ucraina che lo fecero.

Sono un ucraino americano e un professore che studia il ruolo dell’arte nella società; il mio lavoro è un atto di sfida politica contro secoli di genocidio culturale.

La Russia ha invaso la Crimea, una penisola ucraina, nel 2014. Da allora, ho lavorato a stretto contatto con un’organizzazione no-profit ucraina, la Development Foundation, per creare programmi sanitari e traumi comunitari in risposta al conflitto in Crimea.

La crescente minaccia del presidente russo Vladimir Putin di invadere nuovamente l’Ucraina non è una sorpresa per la maggior parte degli ucraini americani.

Il 18 febbraio 2022 il segretario generale delle Nazioni Unite António Guterres ha dichiarato che le tensioni est-ovest sono al punto più alto dal crollo dell’Unione Sovietica, poiché la Russia ha accumulato tra 160.000 e 190.000 soldati lungo il confine con l’Ucraina.

Molti ucraini americani temono per la vita e la sicurezza di familiari e amici in Ucraina e per il futuro dell’Ucraina.

Cosa significa essere ucraino americano

L’Ucraina ospita circa 42 milioni di persone. Ci sono tra i 12 e i 20 milioni in più di persone con eredità ucraina in tutto il mondo. Molte di queste persone sono fuggite dalla persecuzione politica o sono discendenti di coloro che l’hanno fatto.

La diaspora ucraino americana comprende oltre 1,1 milioni di persone. Gli ucraini americani vivono principalmente nelle grandi città come New York, Chicago e Filadelfia.

Partecipare alle arti e alla cultura ucraine è un atto coscienzioso di preservare l’identità e la cultura nazionale per gli ucraini americani, inclusa la mia stessa famiglia.

Mio padre arrivò a Rochester, New York, nel 1954 e si unì a una comunità che aveva scuole di lingua ucraine, club sociali e un vasto sistema di unioni di credito specifico per gli ucraini.

I membri di questa comunità pubblicavano giornali e creavano biblioteche improvvisate nei sotterranei delle chiese e delle sale sociali. Raccolsero pubblicazioni in lingua ucraina vietate dalla legge sovietica. Questi materiali raccontano la storia di persone che si identificano come ucraine ma la cui storia è stata attivamente soppressa.

Essere ucraino americano spesso significa frequentare la scuola di lingua ucraina il sabato, entrare a far parte di un coro ucraino o di un gruppo strumentale di bandura o memorizzare versi di poesia e letteratura ucraina.

L’idea di cosa significhi essere ucraino americano è cambiata da quando l’Unione Sovietica è crollata nel 1991.

La diaspora ucraina è passata dal preservare la storia all’aiutare a costruire un futuro per l’Ucraina. Gli ucraini sono ora liberi di esprimersi come ucraini senza timore di rappresaglie del governo. Molti ucraini americani mantengono forti legami con la famiglia in Ucraina e alcuni sono tornati a vivere in Ucraina.

Conservazione della storia ucraina

Gli ucraini arrivarono per la prima volta negli Stati Uniti a causa della povertà e della mancanza di terra alla fine del 1800 e all’inizio del 1900.

Un’altra ondata di ucraini seguì tra la prima e la seconda guerra mondiale, dopo l’ascesa dell’Unione Sovietica nel 1922.

Altri ucraini emigrarono negli Stati Uniti dopo la seconda guerra mondiale, che sgomberò con la forza 200.000 ucraini. L’ultima ondata è arrivata dopo la caduta dell’Unione Sovietica nel 1992.

Mio padre, Wolodymyr “Mirko” Pylyshenko, era tra i leader della comunità ucraina americana che lavoravano per raccogliere letteratura ucraina, attraverso materiali diffusi in modo informale noto come “samidav” o “samizdat” in russo.

In qualità di editore e bibliotecario presso la filiale di Rochester della Federal Credit Union ucraina, mio ​​padre incoraggiava le persone a scrivere le loro storie di vita. Quando un americano ucraino è morto a Rochester, la famiglia sapeva di portare i propri ricordi alla cooperativa di credito, oa lui.

Mio padre è morto di COVID-19 nel febbraio 2020. Ma nei suoi ultimi anni ha organizzato i suoi archivi. La sua vasta collezione sulla diaspora ucraina a Rochester è ora chiamata Collezione Rochester ucraina, che mira a “preservare la storia dei primi 100 anni di vita ucraina americana a Rochester”. Gli archivi sono conservati presso l’Università di Rochester e nella Biblioteca della città centrale di Dnipro, in Ucraina.

Le scuole in Ucraina, nel frattempo, insegnano letteratura, pensiero politico e storia ucraini risalenti al 1800. Le scuole ucraine in precedenza avevano omesso eventi importanti come il genocidio dell’Holodomor, quando Stalin fece morire di fame circa 3,9 milioni di ucraini negli anni ’30.

I tentativi della Russia di sopprimere l’identità ucraina

In parte a causa della loro storia condivisa che risale al IX secolo, la Russia vede l’Ucraina come intrinsecamente collegata. Putin ha pubblicato un articolo nel luglio 2021, scrivendo che la sovranità dell’Ucraina è “possibile solo in collaborazione con la Russia”.

“Perché siamo un popolo”, ha scritto Putin.

L’Ucraina e la Russia condividono una storia complicata, entrambe risalenti alla Rus’ di Kiev, il primo stato slavo orientale, che esisteva dal IX secolo alla metà del XIII secolo. Il territorio era centrato in quella che oggi è Kiev, la capitale dell’Ucraina.

Ma per gli ucraini americani, la potenziale minaccia di un’invasione russa è un attacco diretto all’identità nazionale che loro e i loro antenati hanno difeso appassionatamente.

“Sapendo di avere familiari e amici minacciati dall’invasione russa, ti senti obbligato a fare qualcosa”, ha affermato Andrij Baran, presidente del Comitato del Congresso ucraino della regione della capitale nordamericana, in un articolo di Spectrum News 1 a febbraio 8, 2022.

Gli ucraini americani hanno seguito da vicino le notizie, hanno chiamato i loro rappresentanti del Congresso a sostenere l’Ucraina e hanno pregato per la pace, preparandosi anche mentalmente per una potenziale guerra.

Roman Bodola, un parrocchiano di Riverhead, New York, di origine ucraina, ha spiegato questo interesse pubblico in un articolo di notizie locali il 16 febbraio 2022: “Gli ucraini sono forti. E sanno che devono rimanere forti e fermare i russi”.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.
End Comment -->