giovedì, Ottobre 21

Perché Facebook e Mark Zuckerberg potrebbero avere problemi con la SEC L’analisi di Jena Martin, Docente di Diritto alla West Virginia University

0

Il ‘Wall Street Journalha recentemente rivelato che Facebook tratta i post degli utenti in modo diverso a seconda della loro ricchezza, privilegio e status.

Questo e altri risultati basati su documenti interni di Facebook potrebbero essere abbastanza preoccupanti, ma il problema più grande del social network potrebbe essere la Securities and Exchange Commission.

I documenti suggeriscono che Facebook abbia presentato versioni diverse e contraddittorie di queste politiche in pubblico e in privato. Dal punto di vista della regolamentazione dei titoli, qualsiasi grande bugia potrebbe potenzialmente frodare gli investitori e invitare a un’indagine, specialmente quando la società coinvolta è Facebook.

Sono un giurista che ha trascorso cinque anni come avvocato esecutore presso la SEC, l’agenzia che protegge gli investitori e regola i titoli. Permettetemi di spiegare le frodi sui titoli, cosa conta come violazione e perché i documenti del WSJ, se autentici, possono coinvolgere Facebook e il CEO Mark Zuckerberg.

Quello che (secondo quanto riferito) Facebook ha fatto

Il Wall Street Journal ha riferito che i dirigenti di Facebook, incluso Zuckerberg, hanno rilasciato dichiarazioni pubbliche sulla politica di applicazione della società per materiale offensivo contraddetto da documenti interni.

In particolare, l’indagine del WSJ ha rilevato che l’uso da parte dell’azienda di un algoritmo interno ha creato un programma di “whitelisting” che consente agli utenti VIP di aggirare le normali procedure di applicazione della società. Ciò non è coerente con la posizione di Zuckerberg secondo cui tutti gli utenti sono su un piano di parità per quanto riguarda quando il contenuto viene ritenuto offensivo e rimosso.

Il Journal ha affermato che almeno alcuni dei documenti che ha esaminato sono stati forniti alla SEC e al Congresso da qualcuno che cercava la protezione federale degli informatori. La veridicità di questi documenti sarebbe probabilmente cruciale per un’indagine della SEC.

Per dimostrare la frode, la SEC dovrebbe dimostrare che Zuckerberg ha fornito una falsa dichiarazione su alcuni aspetti di Facebook; che questa falsa dichiarazione era “materiale” – letta, significativa; e che il travisamento è stato fatto con un certo livello di conoscenza della sua falsità. In altre parole, dovrebbe essere qualcosa di più di un errore innocente o stupido.

Come ha riassunto un documento interno di Facebook: “Non stiamo facendo ciò che effettivamente diciamo di fare pubblicamente”.

Questo da solo potrebbe dimostrare che c’è stata una violazione della legge sui titoli.

Frodi su titoli 101

Fondamentalmente, la frode sui titoli consiste nell’ingannare gli investitori.

Ci sono molte attività diverse che possono innescare un’indagine per frode sui titoli. Ad esempio, un’azienda potrebbe “cucinare i libri” e falsificare alcuni dei numeri che riporta ai regolatori, come è successo con il famoso caso Enron.

Un altro modo è attraverso uno schema “pump and dump”, ovvero quando un individuo o un gruppo pubblicizza un’azione o un prodotto senza rivelare informazioni chiave sul loro coinvolgimento, solo per girarsi e venderlo dopo aver aumentato il prezzo. Una causa sostiene che è quello che è successo all’inizio di quest’anno quando gli utenti di Reddit hanno spinto le azioni di GameStop a salire da meno di $ 20 a $ 483 in poche settimane.

Oppure c’è quella che gli avvocati di borsa chiamano “frode di varietà da giardino”, in cui una società o un dirigente dice una bugia significativa – o fa una falsa dichiarazione significativa – che fuorvia gli investitori su alcuni aspetti importanti della società. La SEC ha accusato Volkswagen di aver frodato gli investitori mentendo al pubblico sull'”impatto ambientale della ‘flotta diesel pulita’ dell’azienda”.
Questo è ciò che Zuckerberg potrebbe aver fatto rilasciando dichiarazioni pubbliche che sembrano contraddire i documenti interni dell’azienda, come riportato dal Wall Street Journal.

La cosa fondamentale che ognuno di questi scenari ha in comune è che qualcuno ha ingannato gli investitori.

Succede molto

La frode sui titoli è abbastanza comune.

I dati più recenti che la SEC conserva sulla questione mostrano che nel 2020 l’agenzia ha intentato centinaia di azioni contro individui o società per frode. Tieni presente che questi sono solo i casi che sono stati portati. La SEC non dispone di risorse illimitate e alcuni commentatori legali ipotizzano che molti altri casi non vengano controllati.

Zuckerberg difficilmente sarebbe la prima figura ben nota a dover affrontare un controllo su attività potenzialmente fraudolente. Ad esempio, Elizabeth Holmes è attualmente sotto processo in California per le accuse secondo cui la sua società Theranos ha ingannato gli investitori fin dalla sua creazione nel 2003.

Altre persone di alto profilo accusate di frode finanziaria negli ultimi anni includono Elon Musk, Martha Stewart e 50 Cent.

In effetti, la SEC era così preoccupata per le celebrità e il loro collegamento a dichiarazioni potenzialmente false che nel 2017 ha esortato i potenziali investitori nelle offerte iniziali di monete per criptovaluta a prestare attenzione quando si incontrano approvazioni di celebrità sui social media.

Come gli ‘errori stupidi’ diventano frode

Da parte sua, Facebook sostiene di essere stato accurato nelle sue comunicazioni con il suo consiglio di sorveglianza e che la società sta gradualmente eliminando la pratica della whitelist.

“Molto di questo materiale interno è costituito da informazioni obsolete messe insieme per creare una narrativa che sorvola sul punto più importante: Facebook stesso ha identificato i problemi con il controllo incrociato e ha lavorato per risolverli”, ha detto un portavoce.

In breve, un fattore chiave che i regolatori dovrebbero scoprire è se Zuckerberg sapesse che i documenti interni mostravano qualcosa di diverso da quello che stava dicendo pubblicamente in quel momento. Sulla base del mio incarico alla SEC, questo tipo di prove è cruciale per determinare se un potenziale “errore stupido” diventa un’accusa di frode.

 

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.
End Comment -->