martedì, Maggio 24

Perché Biden, Macron e Johnson sembrano volere un conflitto russo tra Russia e Ucraina? Le elezioni in USA, Francia, Regno Unito sono dietro l'angolo, e tutti tre i leaders sono in coda ai sondaggi nazionali. Una 'scaramuccia' con la Russia sarebbe per loro assai vantaggiosa. Putin può semplicemente aspettare e mantenere le sue truppe in posizione senza effettivamente fare nulla

0

La crisi Russia – Ucraina ha apparentemente raggiunto lo stadio di un oggetto immobile che incontra una forza irresistibile, con le parti opposte incapaci di raggiungere alcun accordo. Vladimir Putin vuole che le forze della NATO vengano respinte e la garanzia che l’Ucraina non si unirà mai alla NATO, visto che è preoccupato per i sistemi d’arma ad alta tecnologia posti così vicino a Mosca.
Gli Stati Uniti hanno un interesse acquisito nel voler dirottare le forniture di gas dell’UE lontano dalla Russia e fornire le proprie, con sanzioni a seguito di qualsiasi incursione in Ucraina da parte della Russia come un mezzo per ottenerlo.
L’Unione Europea -e l’Ucraina- sono in qualche modo intrappolate nel mezzo. Ma ci sono altre ragioni per cui per alcuni politici in Occidente, unascaramucciacon la Russia sarebbe vantaggiosa per loro in questo momento.

Il primo anno in carica di Joe Biden non è stato eccezionale e i sondaggi d’opinione sono bassi. L’esercito americano e i falchi di Washington sono stati fatti sembrare sciocchi in Afghanistan. Con le elezioni di medio termine previste per novembre di quest’anno, e con i Democratici che sono in svantaggio nei sondaggi, e con il tasso di approvazione del Presidente a solo il 41,4%,Biden deve fare qualcosa per mostrare se stesso e il suo partito come forti e virili. Una scaramuccia con la Russia raggiungerebbe questo obiettivo e consentirebbe agli Stati Uniti di sbarazzarsi della Russia come fornitore di gas dell’UE.

Emmanuel Macron, con la Francia attualmente Presidente del Consiglio dell’Unione europea, vuole lasciare il segno in una UE francocentrica, con la Germania che si sta ancora accontentando di un nuovo Cancelliere. Il 2022 è un anno elettorale presidenziale in Francia, con elezioni che si terranno ad aprile. Il tasso di approvazione di Macron è attualmente solo del 37% e deve anche aumentarlo per avere qualche speranza di essere confermato. Una breve battaglia con la Russia lo mostrerebbe come un uomo duro che resiste a una minaccia percepita.

È una storia simile si applica a Boris Johnson, che sta soffrendo nei sondaggi britannici dopo una serie di scandali. Ha un indice di gradimento di appena il 22% con le elezioni regionali del Regno Unito previste per maggio. Essere visto come forte e Churchillian nel resistere alla Russia, darebbe una spinta enorme alla sua attuale posizione.

Il risultato è che per diversi alti dirigenti occidentali, un’invasione da parte della Russia dell’Ucraina, o anche un conflitto di breve durata, sarebbe vantaggioso in questo momento -una delle ragioni per cui i tamburi del conflitto hanno suonato così forte sui media occidentali.
Il Presidente russo Putin non deve affrontare tali pressioni politiche: è al potere fino al 2024 ed è probabile che sarà confermato. Il Ministro degli Esteri russo, Sergey Lavrov, ha commentato la convinzione russa che la questione ucraina sia alimentata dagli interessi politici occidentali.

I politici devono stare molto attenti a ciò che desiderano. Incoraggiare un conflitto tra Russia e Ucraina è giocare con il fuoco. È anche immorale l’utilizzo di un conflitto militare in cui è probabile che le persone muoiano per guadagnare popolarità. Questi sono davvero tempi molto pericolosi, ma non necessariamente nel modo in cui vengono presentati in Occidente.

Putin ovviamente può semplicemente aspettare e mantenere le sue truppe in posizione senza effettivamente fare nulla, già così può mantenere alta la pressione. Ma con il passare del tempo e con il calo dei sondaggi, anche la prospettiva di una deliberata provocazione per l’invasione della Russia istigata dall’Occidente, piuttosto che da Mosca, può diventare una possibilità concreta, e soprattutto per Johnson e Macron.

Incoraggiare la guerra a rimanere al potere è un male democratico e le persone responsabili si avvicinano molto al concetto di democrazia imposto con la pistola. In altre parole, il fascismo con indosso un mantello democratico. I media occidentali devono essere estremamente diligenti e perspicaci riguardo la questione ucraina: se stanno solo seguendo una linea politica accuratamente preparata, o se c’è una vera sovversione della verità che si verifica all’interno delle loro stesse democrazie.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.
End Comment -->