sabato, Ottobre 23

Perché anche i professionisti devono curare la loro presenza in rete Ogni professionista è chiamato a costruirsi un brand utile a distinguersi nel mercato professionale. Comunicare cosa si sa fare, come, e perché non esisto nel mercato, oggi è l’imperativo

0

Oggi per avere successo nel mondo del lavoro è fondamentale essere presenti sul web. Internet è considerata l’eldorado per le aziende di qualsiasi settore e da qualche anno anche la medicina ha conosciuto i benefici della presenza in rete. Sempre più professionisti sanitari hanno intrapreso questa strada, affidandosi ad esperti come Marketing-Psicologi.it lo è per tutti i professionisti di questo settore.

Oggi, anche a causa dell’emergenza sanitaria, sono in aumento i casi di depressione e di ansia anche tra i più giovani. E per questo motivo sempre più persone richiedono il supporto di professionisti del campo psicologico. Così anche gli psicologi hanno bisogno di un sito web ben strutturato e di essere presenti sui vari canali social. In una fase iniziale bisogna fare un lavoro sul definire come si vuole strutturare un sito, che argomenti inserirci, che immagine si vuole trasmettere. L’errore più comune che si fa è pensare prima al ‘contenitore’ e poi ai contenuti, perchè significherebbe rischiare di conformarsi ad un sito che se non rispecchia i contenuti potrebbe risultare vuoto.

Un contenitore vuoto è per un utente una sensazione che sicuramente non trasmette fiducia. La comunicazione online per uno psicologo è sicuramente molto delicata e bisogna scegliere argomenti da trattare e scrivere testi in funzione di quelli che in futuro saranno i pazientiBisogna saper utilizzare al meglio gli strumenti di comunicazione per non essere troppo banali o di troppa difficile comprensione per l’utente medio.

Lo psicologo deve sapersi mettere nei panni di chi ha determinate esigenze e capire cosa potrebbe ricercare online e cosa vorrebbe trovarsi come risposte. Sembra una cosa impossibile ma in realtà è come per qualunque altro sito una definizione della ‘Buyer persona’ (termine usato nel marketing per identificare e comprendere il cliente tipo nelle sue caratteristiche personali, oltre che socio-demografiche).

Le altre figure professionali

Secondo gli esperti di comunicazione e non solo non avere un sito internet, pertanto, significa essere tagliati fuori dalle ricerche eseguite quotidianamente da questi utenti. Ciò si traduce, automaticamente, in un grande vantaggio per la concorrenza, che sicuramente un proprio sito lo ha già! L’importanza di un sito internet aziendale è oggi talmente elevata, che gli utenti del web tendono ad associarlo, in maniera automatica, al livello di professionalità di un’azienda.

Una realtà economica senza un sito internet rischia di apparire, agli occhi degli internauti, antiquata e non al passo con i tempi. Inoltre, l’impossibilità di reperire sulla rete la benchè minima informazione su una determinata azienda o professionista rende l’utente diffidente e lo spinge, solitamente, ad orientare la propria scelta verso altre realtà economiche già presenti sul web.

Nella nostra società, sempre più connessa e legata all’utilizzo di internet, ogni professionista  è chiamato a costruirsi un brand utile a distinguersi nel mercato professionale. Oggi, a differenza degli anni passati (anni ’80 e ’90), il passaparola non è sufficiente per il professionista; essere professionisti eccellenti, essere bravi, preparati, esperti può e deve sposarsi perfettamente con la bravura nel saperlo comunicare agli altri. Oggi più che mai se sono bravo, specializzato ed ho delle competenze o caratteristiche particolari che servono a distinguermi dai colleghi agli occhi dei clienti è utile farlo sapere e farlo sapere in modo efficace, mirato ed elegante.

Comunicare cosa si sa fare, come, e perché non esisto nel mercato, oggi è l’imperativo. Sarà compito del professionista quindi capire quali sono i propri punti di forza, cosa è utile comunicare, a chi ci si vuole rivolgere, quali canali utilizzare e come far percepire i punti qualificanti della propria attività.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->