sabato, Settembre 25

Per le strade di Roma ne ‘Il segno del Comando’

0

Una visita guidata organizzata dall’ ‘Associazione Sulla Cima dell’Olimpo‘ per le strade di Roma, ripercorrendo i percorsi nascosti dello sceneggiato di genere fantastico/noir  in 5 puntate intitolato ‘Il segno del Comando’ prodotto degli anni Settanta dalla Rai e diretto da Daniele D’Anza, con interpreti quali Ugo Pagliai nella parte di Lancelot Edward Forster e Carla Gravina in quella di Lucia. Lancelot Edward Forster è un professore di  letteratura inglese, che insegna all’università di Cambridge. Ha scoperto per caso un inedito diario di Lord Byron, scritto durante il soggiorno romano del 1817, ed è alle prese con la sua traduzione, di cui ha pubblicato la prima parte su una prestigiosa rivista letteraria inglese. In un passo del diario, Byron ha annotato: «21 aprile 1817, notte, ore 11. Esperienza indimenticabile, luogo meraviglioso, piazza con rudere di tempio romano, chiesa rinascimentale, fontana con delfini, messaggero di pietra, musica celestiale, tenebrose presenze». A seguito della pubblicazione, George Powell, addetto culturale dell’ambasciata inglese di Roma, lo invita a tenere una conferenza presso il British Council in occasione della settimana byroniana. Il professore riceve anche un secondo invito a recarsi nella Città Eterna, da un misterioso pittore, un certo Marco Tagliaferri, che gli invia una fotografia della piazza citata da Byron, che Forster ritiene invece un luogo inventato, sfidandolo a trovarla. Incuriosito dalla coincidenza, Forster si precipita nella capitale italiana. Da lì seguono le vicende di Forest per Roma per parlare con il pittore che risulta invece morto come gli dice Lucia la modella del pittore che gli dà un appuntamento alla ‘Taverna dell’Angelo’ . Dopo tale appuntamento vi sono una serie di vicissitudini fino a che, dopo essere scampato alla morte sotto una macchina per i lavori stradali, fermatasi in tempo prima della collisione Forster si ritrova tra i vicoli di Trastevere. Per caso riconosce la Taverna dell’Angelo. Entrato, vi trova Lucia che lo aspettava per un altro appuntamento. La ragazza gli confida che la predestinazione non si è compiuta, perché il segno del comando è già in suo possesso: è il medaglione di Lucia con l’effigie della civetta, lasciato sul sedile della sua macchina dopo il loro precedente incontro nella taverna. Ma Lucia è una ragazza o un fantasma?

Nel 1992 Mediaset realizzò un remake per La Cinq, con la partecipazione di noti attori, tra i quali spiccano Robert Powell nei panni del professor Forster ed Elena Sofia Ricci in quelli di Lucia. Il remake venne trasmesso anche in Italia su Canale 5. Nel 1987 Giuseppe D’Agata rielaborò la sceneggiatura, ricavandone un romanzo omonimo, pubblicato da Rusconi Libri, poi riedito nel 1994 nei Tascabili Economici da Newton Compton Editori. Lo sceneggiatore ne approfittò per ripristinare il finale originale, che svela alcuni punti rimasti in sospeso nella riduzione televisiva. Nel 2002 la serie originale fu riedita in VHS e in DVD (2, contenenti i 5 episodi per un totale di 360 minuti) dalla Elleu Multimedia e distribuita su licenza Rai Trade. Nel 2010 uscì una nuova edizione in 3 DVD, edita da Rai Trade.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->