martedì, Maggio 17

Per l’Abkhazia e l’Ossezia del Sud il legame con la Russia è anche un rischio economico Il destino delle due regioni separatiste è strettamente legato alla Russia. Questo è visto come un vantaggio in termini di sicurezza, ma anche come un'enorme rischio per la stabilità economica

0

La brutale guerra della Russia contro l’Ucraina espande ‘l’impero separatista’ di Mosca. Ma esercita anche un’enorme pressione sui territori occupati della Georgia dell’Abkhazia e dell’Ossezia meridionale. Le prospettive di sviluppo economico sono fosche, mentre la dipendenza da Mosca non farà che aumentare portando richieste russe alla vendita di terreni e infrastrutture in Abkhazia.

Quando alla fine di febbraio è iniziata una nuova invasione russa contro l’Ucraina, in seguito alla decisione di riconoscere l’indipendenza di due entità separatiste nel Donbas, le prospettive per l’Abkhazia e l’Ossezia del Sud sembravano propizie. Si presumeva che il piano di invasione fosse una campagna ben preparata che si sarebbe conclusa con un colpo devastante per l’Ucraina. Inoltre, l’espansione dell’impero separatista russo è stata considerata anche a Sokhumi e Tskhinvali come un segno positivo. La Russia stava costruendo un nuovo ordine e le possibilità che l’Abkhazia e l’Ossezia del Sud ricevessero un riconoscimento maggiore, per un momento, sembravano più realistiche.

Nonostante queste grandi speranze, è successo il contrario. Le mosse russe hanno dimostrato che Mosca non ha alcun riguardo per le entità separatiste tranne che per usarle per piani militari. Le argomentazioni, credute da molti in Occidente, secondo cui le mosse russe in Georgia nel 2008 e in Ucraina nel 2014 erano (almeno in parte) motivate dai timori che i russofoni fossero oppressi si sono rivelate false. Inoltre, anche le affermazioni secondo cui la NATO sarebbe stata un istigatore di rivalità con la Russia attirando Georgia e Ucraina nell’alleanza si sono rivelate imprecise.

L’invasione del 2022 ha mostrato che c’era una mentalità diversa che dominava l’élite russa quando prendeva una decisione fatale. In Russia la visione imperiale non è mai svanita. In disparte per qualche tempo dopo il crollo sovietico, è riemersa con nuova forza negli anni 2010. È ormai chiaro che la seconda guerra con l’Ucraina non è altro che un tentativo di costruire un impero territoriale.

La Russia ha affrontato una resistenza inaspettata. E non solo dal popolo ucraino, ma dal mondo liberale. Indebolito e denigrato da molti come relitto storico non più applicabile alle realtà degli anni 2020, quell’ordine ha mostrato ancora una volta la sua vitalità e capacità di riemergere come un concetto ancora caro a molti. Ed è qui che le speranze dell’Abkhazia e dell’Ossezia del Sud sembrano irrealistiche. Il tentacolare impero separatista russo è sempre più difficile da governare. Troppi attori e troppe esigenze, sia militari che economiche, hanno messo sotto pressione finanziariamente Mosca.

Da febbraio 2022 ci sono semplicemente troppe entità separatiste sostenute dalla Russia. Ciò riduce le possibilità per l’Abkhazia e l’Ossezia meridionale. Pochi o nessuno, soprattutto in mezzo alla condanna globale contro la Russia, sosterrebbero il riconoscimento dell’Abkhazia e dell’Ossezia meridionale, oltre alle due entità del Donbas.

Ma probabilmente il problema più grande per i territori occupati della Georgia è la situazione economica. Anche prima dell’invasione, la pandemia di Covid-19 ha minato il fragile equilibrio da cui dipendevano l’Abkhazia e l’Ossezia meridionale. La recessione globale unita a una pandemia particolarmente mal gestita in Russia ha colpito i territori separatisti. I leader dell’Abkhazia e dell’Osseto meridionale spesso hanno avuto difficoltà a ricevere sostegno economico dai loro superiori al Cremlino. Anche i politici russi erano sempre più riluttanti a impegnare finanze per le élite predatorie in continua crescita nei territori separatisti.

Con la seconda invasione dell’Ucraina, la Russia è ora soggetta a una serie di sanzioni occidentali senza precedenti. La sua economia è destinata a precipitare entro la fine dell’anno se non nei prossimi mesi. L’apparente stabilità del rublo è molto illusoria.

A seguire della Russia, la situazione economica in Abkhazia e Ossezia del Sud si deteriorerà. I turisti russi potrebbero visitare l’Abkhazia quest’estate in numero molto maggiore, ma qualunque sia lo scarso aiuto finanziario che Sokhumi riceverà, dipenderà dal soddisfare specifiche richieste russe. E queste sono alcune grandi richieste per gli standard abkhazi. Mosca vuole che la terra e le infrastrutture critiche della regione siano legalmente disponibili per l’acquisto da parte dei russi. Consentire da parte dell’Abkhazia equivale a perdere qualsiasi minima parvenza di autonomia di cui gode ancora da Mosca.

Mosca ha già indicato che sarà meno disposta a finanziare l’Abkhazia e l’Ossezia del Sud. All’inizio di marzo, in un’intervista con l’agenzia di stampa TASS affiliata allo stato, il viceministro dell’Economia russo Dmitry Volvach ha affermato che è tempo che le due regioni diventino più indipendenti dagli aiuti di Mosca.

Diversa è la situazione con l’Ossezia del Sud. Ha una gamma molto più piccola di ciò che può offrire alla Russia. Infatti, la sua posizione geografica è l’unico vantaggio della regione. Di qui, in sorprendente differenza con l’Abkhazia, gli occasionali tentativi di Tskhinvali di cercare l’unificazione con la Russia.

Pertanto, il quadro a lungo termine sembra meno promettente. Le due regioni separatiste che sperano nello sviluppo economico saranno pesantemente colpite dalla crisi in atto in Russia. Forse in Abkhazia questo genererà ancora una volta colloqui su una sorta di riavvicinamento economico con Tbilisi. Il leader abkhazo Aslan Bzhania sostiene da tempo che le relazioni commerciali e una sorta di dialogo politico con Tbilisi saranno utili. L’opposizione è contraria e minaccia costantemente disordini e violenze.

Il destino delle due regioni separatiste è strettamente legato alla Russia. Questo è visto come un vantaggio in termini di sicurezza, ma anche come un’enorme rischio per la stabilità economica dell’Abkhazia e dell’Ossezia meridionale. Le ramificazioni saranno di ampio respiro. La corruzione e le infrastrutture sempre decrepite ostacoleranno lo sviluppo dei due territori. In un certo senso, per Tbilisi è un’opportunità. A lungo termine si potrebbero intrattenere con Sokhumi qualche tipo di conversazione. A seconda dello sviluppo economico interno della Georgia, Tbilisi potrebbe diventare più attraente per gli abkhazi e gli osseti ordinari. Qualche esperienza in tal senso è già lì. Prima del 2020 e soprattutto dopo la pandemia, i servizi medici georgiani hanno attratto numerosi residenti dai due territori. Allo stesso modo, anche il settore dell’istruzione con incentivi statali ad ampio raggio ha attratto un ampio pool di futuri studenti.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->