domenica, Settembre 19

Pence: ‘In Medioriente Isis attua genocidio contro i cristiani’

0

In un discorso pronunciato in occasione di un vertice sui cristiani perseguitati ospitato dall’Associazione Evangelica di Billy Graham, il vicepresidente americano Mike Pence ha affermato che l’Isis è colpevole di genocidio. «I terroristi hanno un odio speciale per i seguaci di Cristo. Non si vedeva così tale brutalità in Medio Oriente dal Medioevo e credo che l’Isis sia colpevole di genocidio contro i cristiani, ed è tempo che il mondo lo chiami col suo nome».

«La realtà è che in tutto il mondo la fede cristiana è sotto assedio. In tutto il mondo, nessuna gente di fede oggi affronta una maggiore ostilità o odio rispetto ai cristiani», ha detto Pence, che ha ricordato come «più di 215 milioni di cristiani si confrontano ogni giorno con intimidazioni, imprigionamenti, conversioni forzate, abusi, aggressioni e ancor di peggio».

Pence ricordato anche il recente attacco terroristico contro le chiese cristiane in Egitto. «In Iraq, per mano degli estremisti, abbiamo visto abbattuti monasteri, sacerdoti e monaci decapitati e la tradizione cristiana di due millenni, a Mosul, è stata praticamente spenta in una notte. In Siria vediamo comunità antiche attaccate, credenti torturati per essere cristiani, le donne e i bambini venduti». Ma il presidente Donald Trump «vede questi crimini per quello che sono: vili atti di persecuzione animati dall’odio, odio per il vangelo di Cristo. Sono l’incarnazione del male nei nostri tempi e li chiama per nome, terroristi radicali islamici».

E Pence poi ha dichiarato: «L’amministrazione è pienamente impegnata a portare sollievo e conforto ai credenti. Questo presidente sa che i terroristi non si fermeranno finché non li bloccheremo, e sotto il Presidente Donald Trump li bloccheremo. Non ci fermeremo finché non distruggeremo l’Isis alla sua fonte».

(video tratto dal canale Youtube di Associated Press)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.
End Comment -->