domenica, Novembre 28

Pechino investe per modificare il clima field_506ffb1d3dbe2

0

China air pollution

E ‘la prima volta che la modificazione del clima volta a ridurre lo smog è stata inserita nel bilancio. I fondi saranno utilizzati per esperimenti di riduzione-smog e l’acquisto di attrezzature. Dopo che premier Li Keqiang ha dichiarato ‘guerra alla smog’ nel corso della riunione parlamentare annuale appena completata la scorsa settimana, le autorità climatiche e ambientali locali stanno adottando misure per attenuare l’inquinamento atmosferico in vari modi.

L’Environmental Protection Bureau di Pechino prevede di spendere più di 14 milioni di yuan in progetti che coinvolgono la prevenzione e il controllo dell’inquinamento atmosferico. La modificazione del clima, la pioggia prevalentemente artificiale, potrebbe essere una delle soluzioni per le autorità meteo della capitale per alleviare le giornate inquinate frequenti nella capitale e nella regione circostante. Il Ministero della Protezione Ambientale ha affermato che otto città della regione vicino a Pechino sono state elencate tra le prime 10 città con la peggiore qualità dell’aria in tutta la Cina nel mese di febbraio.

PM (Polveri Sottili) 2,5, che si riferisce a particelle di dimensioni inferiori a 2,5 micrometri di diametro che sono considerati estremamente pericolosi poiché penetrano più in profondità nei polmoni di particelle più grandi, è il maggior contribuente all’inquinamento atmosferico della regione, secondo il ministero. I dati ministeriali hanno mostrato che dal 20-26 febbraio, lo smog avvolge 15 province e regioni che coprono più di 1,8 milioni di chilometri quadrati. Poiché l’inquinamento dell’aria diventa una questione nazionale, il Paese mira a ridurre l’intensità energetica del 3,9 per cento quest’anno per rafforzare il risparmio energetico che taglierà il consumo di carbone di 220 milioni di tonnellate. Inoltre il carbone che brucia è un importante contributo al PM 2,5.

Secondo un documento pubblicato dal China Meteorological Administration, mentre la combustione del carbone sarà ridotta, le autorità climatiche locali saranno in grado di utilizzare metodi di modificazione del clima, soprattutto il miglioramento della pioggia (per migliorare la qualità dell’aria entro il 2015) quando si verifica pesante smog. L’anno scorso, le autorità locali a Lanzhou, provincia di Gansu, Chengdu, provincia di Sichuan, e Wuhan, provincia di Hubei, hanno incluso la pioggia artificiale come opzione per ridurre lo smog nel loro piano d’emergenza per l’inquinamento atmosferico.

La Cina ha usato per anni la pioggia artificiale per cancellare i cieli coperti. Nel 2008, la pioggia artificiale nei giorni prima delle Olimpiadi di Pechino ha contribuito a garantire una notte a secco per la cerimonia di apertura delle Olimpiadi. Secondo il ministero della tutela ambientale, mentre Pechino e i suoi “vicini” hanno subito un febbraio super-inquinato. Sette città tra cui Kunming, nella provincia dello Yunnan, Haikou in Hainan e Shenzhen nel Guangdong  hanno rispettato le norme nazionali di qualità dell’aria il mese scorso. Guo Xueliang, un esperto di manipolazione del tempo con la China Meteorological Administration, ha detto al ‘Quotidiano del Popolo’ che la pioggia artificiale è un modo relativamente efficace per ridurre l’inquinamento atmosferico ed è ancora in fase sperimentale.

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->