domenica, Maggio 9

Pechino: ambulanze diventano elicotteri Il primo nel mese di agosto, ma le tecnologie sono in aumento

0

Elicotteri ambulanze cina Pechino

Pechino sarà la prima città in Cina ad offrire il suo servizio medico di emergenza con l’uso di elicotteri professionali medici, ha detto un funzionario della Croce Rossa di Pechino Emergency Rescue Center. Lunedì scorso il centro ha firmato un accordo con Airbus per l’acquisto di due elicotteri EC135 Cina. «Ogni elicottero sarà rimontato con dispositivi tra cui un elettrocardiografo, un ventilatore, un defibrillatore e una micropompa», ha detto Tian Zhenbiao, vice capo del centro.

Il primo elicottero arriverà nel mese di agosto, mentre il secondo arriverà nella seconda metà del prossimo anno. Il centro ha iniziato il suo servizio medico di emergenza in elicottero nel 2011, collaborando con una società locale che offre voli in elicottero. Il servizio nel 2012 ha trasferito un ragazzo svedese con una ferita alla milza procurata mentre sciava in Zhangjiakou, nella provincia di Hebei. Tuttavia, gli elicotteri della società non sono utilizzati solo per servizio medico, ogni volta che il centro ha bisogno di usare un elicottero deve richiedere alla società di smontare alcuni sedili interni in modo che ci sia abbastanza spazio per le attrezzature, ha detto Tian

Secondo il centro, 290 elicotteri civili sono stati registrati con l’Amministrazione dell’Aviazione Civile della Cina entro la fine del 2013, nessuno dei quali sono stati utilizzati solo per missioni di servizio medico. «Ingorghi si verificano spesso a Pechino, in quanto vi sono più di 5 milioni di automobili in città. Inoltre, la maggior parte delle aree che circondano Pechino sono montuose, rendendo quindi impossibile ad un’ambulanza di raggiungere i bisognosi nelle diverse aree della città», ha detto Tian . «Quindi è importante sviluppare il servizio medico aereo».

Gli elicotteri saranno utilizzati per servizio medico a breve distanza a Pechino, Tianjin e Hebei , integrando gli aerei ad ala fissa del centro utilizzati per il trasferimento a lunga distanza, ha aggiunto. Per rendere il servizio accessibile al pubblico, il centro sta collaborando con una compagnia di assicurazioni. «L’uso di elicotteri diventerà più popolare per i servizi di emergenza, ed è necessario per i grandi ospedali la costruzione di appositi parcheggi sui tetti», ha detto Zhou Rongbin, direttore del dipartimento di emergenza del Policlinico di Pechino PLA Regione Militare.

«Di solito c’è una piazza nei pressi di un ospedale, ma è spesso troppo affollato per un elicottero per atterrare. Eppure alcuni dei grandi ospedali della città hanno un grembiule di parcheggio sui tetti», ha detto Liao Shaofang, vice direttore della sede ambulatoriale di Huaxin Hospital, o il primo ospedale della Tsinghua University, ha accettato. «Ogni centimetro di terra è come l’oro nell’ambito del Sesto circonvallazione della città , quindi la soluzione più ragionevole è quella di rinnovare i tetti in piazzali di parcheggio sia per ridurre i costi e minimizzare l’impatto del rumore al quartiere». Egli ha anche suggerito che il governo sovvenzioni gli ospedali per la costruzione dei parcheggi.

Inoltre, il Dipartimento di Salute Xinjiang ha recentemente annunciato che Xinjiang cercherà partenariati con le regioni limitrofe quest’anno in campo medico, l’obiettivo è quello di diventare il centro di assistenza medico della zona economica della Seta ‘Silk Economic Zone’. Un accordo ‘Silk Road Economic Belt’ è stato firmato da 24 città di otto Paesi lungo l’antica Via della Seta, tra cui Cina e il Kazakistan, nel novembre 2013, per promuovere una maggiore cooperazione, lo sviluppo e la prosperità tra i paesi.

Il governo locale ha in atto un piano per migliorare il suo sistema di cooperazione nel servizio sanitario regionale, l’introduzione di tecnologie mediche avanzate, e promuovere il turismo medico per attirare più visitatori nazionali e internazionali.

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->