lunedì, Settembre 20

Pd unito su ddl Boschi: mediare, ma in tempi stretti field_506ffb1d3dbe2

0
1 2


Al Senato deputati e senatori del Partito Democratico competenti in tema di riforme si sono riuniti per cercare un accordo alle modifiche del disegno di legge Boschi, in materia costituzionale. L’obiettivo è la mediazione fra renziani e minoranza del partito, ma si cercherà comunque l’approvazione in tempi brevi. Alla Camera invece è stato approvata la risoluzione di maggioranza sulla Relazione Programmatica della XIV Commissione di Montecitorio per la partecipazione dell’Italia all’Unione Europea per il 2015, su sviluppo e crescita. Area Popolare presenta il suo piano per il Sud, conferma l’appoggio al Governo con la sola eccezione delle unioni civili e rilancia la costruzione del ponte sullo Stretto di Messina. Continuano le polemiche per la presenza di membri della famiglia Casamonica a Porta a Porta, il sindaco di Roma Ignazio Marino e il prefetto Franco Gabrielli sbottano contro la trasmissione di Bruno Vespa. Sondaggi Datamedia per Il Tempo, l’indice di gradimento del Premier Matteo Renzi scende al 32%.
A Palazzo Madama vertice del Partito Democratico sulle riforme costituzionali previste dal ddl Boschi, oltre allo stesso Ministro Maria Elena Boschi, relatore del provvedimento, presenti il sottosegretario Luciano Pizzetti, il Presidente della commissione Affari Costituzionali Anna Finocchiaro, il capogruppo Luigi Zanda e la capogruppo in commissione Doris Lo Moro, della minoranza Dem, più i deputati Ettore Rosato, capogruppo del partito, il capogruppo in commissione Emanuele Fiano e Barbara Pollastrini, della minoranza Pd. «Stiamo lavorando, nei prossimi giorni continueranno i confronti perché sappiamo che i tempi stringono», commenta al termine dell’incontro la Boschi, «tutto dipende da quanto ci mettiamo a completare l’esame delle riforme costituzionali e da quanto faranno ostruzionismo le opposizioni. Lavoriamo a una soluzione condivisa tra Camera e Senato».

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->