sabato, Ottobre 16

Pd: la Madia non ci sta Comunque vada a finire la lotta da pollaio tra donne del Pd alla Camera, non è stato un bello spettacolo in una Italia piegata dalla pandemia e da una spaventosa crisi economica

0

Lotte da pollaio per le donne del Pd costrette a giocarsi i pochi posti di potere rimasti dopo che Nicola Zingaretti le ha buggerate alla grande nella compagine governativa escludendole da tutto, ma non dimenticandosi mai di dire ‘deputate e deputati’, in pieno stile politically correct.

Marianna Madia è stata lanciata in politica da Walter Veltroni e da allora nessuno è riuscita a schiodarla diventando pure ministra con Matteo Renzi e Paolo Gentiloni.

Inizialmente prossima a D’Alema e alla sua Fondazione Italiani ed Europei si è segnalata sempre per la sua vicinanza al leader del Pd di turno, oltre che essere stata la fidanzata del figlio del Presidente della Repubblica Giulio Napolitano.

E forse forte di questo ha reagito stizzita alla candidatura di Debora Serracchiani al ruolo di capogruppo alla Camera facendo intendere che la sua rivale fosse scelta da una ‘cooptazione mascherata’ riferendosi a Graziano Delrio che ha rimandato tutto al mittente.

Certo che la Madia che parla di pressioni da parte di correnti del Pd fa sorridere visto che lei è legata al think thank di Enrico Letta, l’Arel che è da poco il nuovo segretario del Pd.

Comunque vada a finire, non è stato un bello spettacolo in una Italia piegata dalla pandemia e da una spaventosa crisi economica. La politica dovrebbe essere un privilegio per servire i cittadini, non uno strumento di ambizione personale.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->