venerdì, ottobre 19

Patente di guida, i giovani la conseguono dopo i 20 anni La media si attesta a 21 anni e 2 mesi, con gli uomini che la acquisiscono in media all’età di 20 anni e 8 mesi, mentre le donne a 21 anni e 9 mesi

0

Una nuova ricerca realizzata dall’osservatorio Automobile.it mette in evidenza come, al contrario di quello che si possa pensare, i giovani italiani acquisiscono la patente di guida dopo i 20 anni.

In Italia, i giovani acquisiscono il titolo abilitante alla guida in media sui 21 anni, con alcune diversità a livello regionale: in Basilicata, Sicilia e Campania lo si fa prima, mentre si aspetta di più in Liguria, Emilia Romagna e Sardegna.

Tale scelta è dovuta anche al fattore normativo, per tre anni il neopatentato non potrà guidare macchine superiori a una determinata cilindrata e superare alcuni limiti di velocità. L’articolo 117 del Codice della Strada, che si occupa di queste limitazioni, prevede che i neopatentati non possono guidare auto che abbiano un rapporto tra peso e potenza superiore a 55 kW per tonnellata. In ogni caso la potenza dell’auto non potrà superare i 70 kW, e tali limitazioni rimangono in vigore per un anno dal conseguimento della patente di guida. Oltre che per la potenza del veicolo, vi sono delle limitazioni anche per quanto riguarda la velocità massima consentita su autostrada, i neopatentati non potranno infatti superare i 100 km/h al cospetto dei 130 km/h come limite massimo consentito dagli altri automobilisti.

Questa maggiore difficoltà nella scelta del genere di veicolo porta i giovani e le famiglie a un’attenta analisi e valutazione sulla tipologia da acquistare. Tra i fattori maggiormente presi in considerazione troviamo la sicurezza, seguita ovviamente dal prezzo di vendita. Trattandosi, in molti casi, di un veicolo che va ad aggiungersi a quelli già in possesso nel nucleo familiare, si tende a cercare delle auto che abbiano un buon prezzo di vendita, senza necessariamente spendere delle grosse cifre. L’indirizzo è rivolto di conseguenza al tralasciare i mezzi di nuova immatricolazione e optare per all’acquisto di auto usate per neopatentati, affidandosi a un’automobile sicura e di qualità come quelle che è possibile trovare su Brumbrum, che offre veicoli accuratamente controllati, attraverso un test di 200 punti, che rappresentano un modo facile per risparmiare senza rinunciare a un prodotto eccellente.

Tornando allo studio effettuato dall’osservatorio relativamente agli usi e consumi dei neopatentati, scopriamo che chi ha preso da poco la patente preferisce acquistare delle auto italiane. Al primo posto tra le scelte ci sono i veicoli di casa FIAT come la Panda, la 500 e la 500L, mentre coloro che hanno una disponibilità economica superiore optano per vetture come la Renault Captur.

Guardando invece ancora più nel dettaglio i dati relativi ai neopatentati, troviamo che la media di conseguimento della patente di guida si attesta a 21 anni e 2 mesi, con gli uomini che la acquisiscono in media all’età di 20 anni e 8 mesi, mentre le donne in media circa un anno dopo a 21 anni e 9 mesi. Vi sono delle differenze nelle tempistiche di conseguimento del titolo di guida anche per quello che riguarda le regioni geografiche italiane.

Le regioni più ‘lente’ risultano essere la Sardegna, Liguria e l’Emilia Romagna, quelle più ‘veloci’ sono la Basilicata, Sicilia e Campania, anche se tra queste troviamo differenze di soli pochi mesi.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore