domenica, Settembre 26

Quando a parlare ‘umano’ è un’orca L’esemplare, una femmina di nome Wikie, ha imparato a parlare copiando la sua addestratrice del Marineland Aquarium di Antibes, in Francia

0

Sta facendo il giro del mondo la notizia secondo la quale c’è un’orca in grado di parlare e imitare il linguaggio umano, ospitata da un parco acquatico francese. L’esemplare, una femmina di nome Wikie, ha imparato a parlare copiando la sua addestratrice del Marineland Aquarium di Antibes, in Francia.

L’orca in passato aveva già ricevuto una sorta di corso introduttivo all’imitazione, e anche grazie ad esso un team internazionale di ricerca è riuscito a fargli imparare suoni e soprattutto parole umane. L’animale è in grado di imitare parole come ‘ciao’, ‘Amy’, o alcuni numeri.

L’imitazione delle parole non è sempre precisa, ma è evidente l’intento dell’orca di calibrare i suoni per adattarli a quelli dell’istruttrice. Ad oggi sono noti soltanto i casi di altri tre mammiferi in grado di replicare distintamente parole umane: un beluga (Delphinapterus leucas) nel 2012; una foca comune (Phoca vitulina) nel 1985 e un elefante asiatico (Elephas maximus) nel 2012.

Le orche sono tra i pochi animali che possono imparare a produrre un suono solo ascoltandolo. «Nei mammiferi è molto raro», ha detto il dottor Josep Call dell’Università di St Andrews, un co-ricercatore dello studio.

(video tratto dal canale Youtube di IBTimes UK)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.
End Comment -->