venerdì, Giugno 18

Parlamento Europeo ad Atene

0
1 2


«Trasferiamo il cuore dell’Unione Europea, il suo Parlamento, in Grecia», afferma provocatoriamente Lorenzo Scillitani, Docente di ‘Diritti dell’uomo e globalizzazione’, Presidente del Corso di Laurea in Scienze della Comunicazione dell’Università del Molise. Poco più di un mese dopo l’effettuazione del Referendum in Grecia del 5 luglio scorso sui rapporti con l’Unione Europea, la sua proposta ha un valore allo stesso tempo politico e maieutico. Del resto ‘provocazione’ e ‘maieutica’ hanno la stessa radice. Il ‘tirare fuori’ del ‘pro-vocare’ e la famosa ‘arte della levatrice’ della ‘maieutica’, cardine per Socrate della propria filosofia, assieme alla ‘paideutica’, ‘l’arte di educare i bambini’. E dunque Scillitani, origini da Filosofo del Diritto, provoca maieuticamente per raggiungere lo scopo di scuotere Istituzioni e cittadini europei adagiati nel subire o approfittare di quel gigante spiaggiato che l’Unione Europea è diventata. Con l’obiettivo di rimettere in moto meccanismi decisionali e istituzionali. Ma ancor più, e in primo luogo, di rimettere in moto la speranza di una prospettiva di cambiamento, come fu quella che animò i padri fondatori.

E, dunque, ecco la sua proposta.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->