domenica, Ottobre 17

Park Yong Chol "era stato di semi-guerra" field_506ffb1d3dbe2

0

Park Yong Chol, vice direttore dell’Istituto della Corea del Nord per la ricerca di Riunificazione Nazionale, si siede in esclusiva alla CNN con Will Ripley per spiegare le motivazioni della crisi di questa estate in DMZ.

Dopo una serie di colpi di artiglieria reciproci, Pyongyang intima a Seoul di smantellare un altoparlante di propaganda e minaccia: “Entro 48 ore, saremo sul piede di guerra”. Una lettera del Fronte unito del Nord apre un canale di dialogo. Seoul pronta a rispondere a entrambe le opzioni. Il giornale AsiaNews: “Tanto risalto dai media e dai militari, ma la popolazione è tranquilla. Preghiamo per la pace”. Il dittatore nordcoreano Kim Jong-un ha ordinato alle sue truppe di entrare in assetto di guerra dalle 17.00 (ora locale) della giornata del 21 agosto 2015, intimando a Seoul di smantellare “entro 48 ore dallo stesso ultimatum” con gli altoparlanti dal lato sudcoreano della Zona demilitarizzata, tramite la trasmissione di programmi contrari al governo di Pyongyang. Sale la tensione fra le due Coree, dopo lo scambio di colpi di artiglieria durato alcune ore il 20 agosto. L’esercito nordcoreano ha aperto il fuoco alle 16 locali contro l’altoparlante. Un funzionario del ministero della Difesa di Seoul ha però chiarito che i colpi “erano diretti contro una collina disabitata lontana alcuni chilometri dal set di propaganda. Quindi non sembra realistico che il Nord abbia voluto colpire il segnale trasmettitore”, non facendo danni a cose o persone.

L’artiglieria di Seoul ha risposto con decine di proiettili da 155 mm e sono andati avanti per circa tre ore, poi interrotti con la notte. Il governo del Nord Corea ha inviato due lettere alla controparte del Sud: la prima dello Staff generale dell’Esercito popolare della Corea del Nord e diretta al ministero della Difesa di Seoul con l’ultimatum e lo stato di guerra se non verrà smantellato l’altoparlante. A questa un portavoce della Casa Blu, residenza ufficiale del leader sudcoreano, ha risposto chiedendo quale fuso orario vada seguito, con riferimento allo spostamento delle lancette deciso dal dittatore del Nord, con uno iato di mezz’ora fra le due capitali. La seconda è firmata da Kim Yang-gon (direttore del Dipartimento nordcoreano del Fronte unito, che cura gli affari sudcoreani), inviata al capo dell’Ufficio sicurezza nazionale di Seoul Kim Kwan-jin. Nel testo, Pyongyang specifica che le trasmissioni di propaganda “sono una dichiarazione di guerra” ma apre un canale per il dialogo “e il miglioramento della situazione”.

Il governo di Park Geun-hye ha dichiarato di aver riacceso il trasmettitore in risposta alle mine anti-uomo che l’esercito del Nord avrebbe piazzato nella Zona demilitarizzata, esplose lo scorso 4 agosto 2015, ferendo in maniera grave due soldati sudcoreani di stanza al confine, ma Pyongyang nega.

Nelle trasmissioni incriminate, uno speaker racconta ai nordcoreani cosa accade nella loro parte del confine: esecuzioni di cittadini e funzionari di regime, provocazioni militari, minacce del leader Kim Jong-un alla comunità internazionale, notizie “proibite” attraverso il segnale, che può essere ascoltato fino a 10 chilometri di distanza dal confine. AsiaNews commenta: “I colpi di entrambe le parti hanno cercato di combattersi, tentativo andato a vuoto,  così hanno aperto un canale di dialogo. Non credo che il Nord voglia andare oltre, noi preghiamo tanto per evitarlo. I giornalisti e i militari fanno tanto clamore per i propri interessi, ma la popolazione è tranquilla. La vera guerra qui da noi va fatta con il Vangelo, per cambiare i cuori degli uomini.

(tratto dal canale ‘Youtube’ della ‘CNN’)

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->