martedì, Settembre 28

Paris Attacks: andare avanti a testa alta! Come è ripresa la vita dopo i recenti e sconvolgenti eventi di terrore?

0

Attentati a Parigi (anche detti Paris Attacks): la vita diventa dura e riprende con difficoltà nei distretto 10 e 11 tra i più colpiti. Il canale televisivo di ‘All News’ francese, ‘France24’, ha provato ad intervistare alcuni residenti del posto. A poche centinaia di metri dalla Rue Bichat, quindi vicino al teatro Bataclan, i parigini sono tornati presto al loro lavoro, riprendendo le loro abitudini nonostante uno stato d’ansia diffuso da una condizione ritenuta ancora emergenziale. I cittadini del distretto 10 e 11 hanno voluto dimostrare con decisione che il mondo non si ferma ora. Ora più che mai, ha esclamato una passante intervistata dall’inviato di ‘France24. Bisogna andare avanti ha testa alta, ha commentato invece un cliente di un bar. Un commerciante del posto dopo gli attacchi di venerdì 13 novembre ha deciso di chiudere per tutto il giorno seguente la sua attività. Tuttavia, ora, ha dichiarato, non si lascerà impressionare dall’ondata di terrore e lascerà aperto il suo negozio 24 ore su 24, 7 giorni su 7, come atto di ribellione e per rivendicare il suo sentirsi libero in un paese senza pregiudizi di nessuna sorta e democratico.

(tratto dal canale ‘Youtube’ di ‘France24‘)

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->