giovedì, Settembre 23

Paris Air Show, tra tecnologia civile e militare

0

Grande spettacolo ieri per l’apertura del Paris Air Show 2017, la rassegna che presenta tutte le ultime novità del mondo degli aerei e non solo. Tra i principali protagonisti gli aerei di linea, con le varie aziende che presenteranno gli ultimi modelli, a partire dall’Airbus, che mostrerà l’A321neo e l’A350-1000, attualmente alle prese con i test per la certificazione. Esposizione di terra, ma anche esibizioni in volo, invece, per il colosso A380.

Al Paris Air Show ci sarà anche l’Embraer, che mostrerà al pubblico il nuovo E-195E2, membro della seconda generazione della famiglia di jet commerciali, il rifornitore per trasporto multi-missione KC-390 ed il jet business leggero Legacy 450.

Folta la presenza italiana al Paris Air Show. Ci sarà Leonardo, che presenterà anche il nuovo M-345, già ordinato dall’Aeronautica Militare italiana, e la versione Fighter Attack dell’M-346. Al Salone verrà inoltre presentato il Mirach-40, il nuovo aero-bersaglio a pilotaggio remoto per l’addestramento delle forze armate.

Ma non solo. Il motore Avio P120C per razzi spaziali a propellente solido, monolitico in fibra di carbonio più grande al mondo sarà uno dei grandi protagonisti del Paris Air Show.  Il motore è destinato a equipaggiare i nuovi lanciatori Vega C e Ariane 6 che voleranno per la prima volta nel 2019 e nel 2020. Le ultime prove funzionali del primo involucro P120 C si sono concluse qualche giorno fa con successo nello stabilimento Avio di Colleferro, a una cinquantina di chilometri a sud di Roma.

(video tratto dal canale Youtube di Al Jazeera)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.
End Comment -->