lunedì, Maggio 17

Parigi, proteste (e polemiche) per il cinese morto

0

Ancora la polizia nel mirino in Francia,stavolta a Parigi, dove domenica scorsa Shaoyo Liu, un uomo di 56 anni, è stato ucciso nella sua casa durante un intervento della polizia francese. Un caso che ha immediatamente scatenato i media cinesi, che si sono subito scagliati contro le autorità di sicurezza francesi.

Le forze dell’ordine hanno parlato di legittima difesa durante un intervento in un quartiere nord-orientale della capitale francese, causato da dissensi familiari, quando l’uomo ha attaccato un agente brandendo un coltello. La famiglia della vittima ha negato tutto, spiegando che l’uomo stava solo sfilettando un pesce con un paio di forbici al momento dell’irruzione della polizia.

La stampa ha subito accusato la polizia francese di pregiudizi razziali, mentre più cauto il ministero degli Esteri cinese, che ha chiesto al governo francese di fare piena luce sulla vicenda. Martedì l’Ispettorato generale della polizia francese (IGPN) ha annunciato l’apertura di un’inchiesta amministrativa, mentre il procuratore di Parigi ne ha aperta una giudiziaria.

Continuano però le proteste di piazza a Parigi, con la comunità cinese che è scesa in piazza. Diversi gli scontri nelle notti scorse, ma la famiglia di Shaoyo Liu prova a riportare tutti alla calma. E c’è chi paventa una nuova protesta sullo stile banlieue.

(video tratto dal canale Youtube di Al Jazeera)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.
End Comment -->