lunedì, Maggio 17

Parigi: blitz antiterrorismo, due morti e sette fermati Agguato a un missionario italiano in Bangladesh, che nega l'ipotesi terrorismo

0
1 2 3 4


Operazione antiterrorismo nella località di Sant-Denis, nella cintura a nord di Parigi, due morti e sette feriti il bilancio finale; ancora nulla si sa della sorte di Abdelhamid Abaaoud, principale ricercato. Due voli diretti da Parigi negli Stati Uniti dirottati per un allarme bomba, poi rivelatosi falso. Allarme anche nell’aeroporto di Copenaghen. Nessuna bomba ad Hannover, dove ieri è stata annullata l’amichevole di calcio tra Germania e Olanda. Fabbrica di cinture esplosive scoperta in Libano. Contro la minaccia globale del terrorismo l’Unione europea deve stringere legami più forti con i Paesi vicini a Sud e a Est, ha dichiarato l’Alto rappresentante per la politica estera Ue Federica Mogherini, ma dalla Russia giungono critiche. Secondo un rapporto Ue, occorre rafforzare il controllo sull’operato dei servizi segreti e rendere effettivi i rimedi a cui gli individui possono ricorrere contro la violazione della loro privacy. Otto ‘foreign fighters’ arrestati all’aeroporto di Istanbul. Due poliziotti sauditi uccisi nell’Est del Paese, regione a maggioranza sciita. Attentato a un missionario italiano in Bangladesh, che nel frattempo sospende Facebook e altre piattaforme social. Arrestata una deputata in Kosovo in seguito ai disordini di ieri. Ban Ki Moon non sarà in Corea del Nord la prossima settimana, ma una sua visita nel Paese è in discussione.

Blitz all’alba a Saint-Denis, la banlieue ‘dura’ di Parigi, dove la polizia – grazie a un cellulare dei kamikaze trovato in un cestino davanti al Bataclan – ha localizzato il covo dei terroristi che, stando ad alcuni sms sul telefonino trovato – progettavano un attentato alla Defense, la zona dove sono concentrati molti uffici nella capitale francese. Nei due appartamenti individuati si cercava Abdelhamid Abaaoud, 28 anni, nato a Molenbeek, la ‘mente’ delle stragi. Il premier francese Francois Hollande ha ringraziato le forze dell’ordine e ribadito che la Francia è in guerra e anche per questo verranno utilizzate misure emergenzialiE secondo la tv pubblica francese France 2, i terroristi di Saint-Denis si preparavano a commettere attentati all’aeroporto di Roissy Charles de Gaulle e nel quartiere d’affari parigino della DefenseAbdelhamid Abaaoud sarebbe morto durante il blitz, scrive invece il giornale belga Derniere Heure sul suo sito in base a ‘informazioni esclusive’ in suo possesso. Mancano però conferme in tal senso.

Alle 4 e 20, quando è iniziato il blitz terminato alle 11.30 della polizia – intervenuta con uno schieramento impressionante a 800 metri dallo Stade de France – una donna kamikaze ha azionato la propria cintura esplosiva e si è fatta saltare. Un altro terrorista è stato ucciso. Poi la reazione degli occupanti degli appartamenti, che per il loro numero ha sorpreso le teste di cuoio e cinque agenti sono rimasti feriti. Nell’appartamento c’erano sette terroristi, secondo le parole di Francois Molins, procuratore di Parigi, giunto sul posto insieme al ministro dell’Interno, Bernard Cazeneuve. Tre terroristi sono stati arrestati, una ragazza si è fatta esplodere, un uomo è stato trovato morto, colpito da proiettili e bombe. Altre due persone che si nascondevano fra le macerie sono state arrestate. Le autorità hanno detto di non poter rivelare l’identità di queste persone e che solo in funzione degli esami sarà in grado di farlo prossimamente.

Gli agenti dei servizi di sicurezza francesi hanno sfondato a colpi di ascia il portone di una chiesa, l’Eglise Neuve di Saint-Denis, che sorge proprio accanto al covo. La polizia sta setacciando tutte le abitazioni e i locali dei dintorni per mettere in sicurezza il quartiere prima di dichiarare concluse le operazioni. Gli agenti hanno passato al setaccio appartamento per appartamento del palazzo della place Jean Jaures. Sul posto, dove ogni tanto continuano ad udirsi esplosioni e spari, blindati della polizia e centinaia di poliziotti in assetto da combattimento, elicotteri che volteggiano, camion dei pompieri e ambulanze. Nell’assalto è morto anche un cane un poliziotto. L’animale è stato utilizzato all’inizio dell’assalto, gli agenti l’hanno fatto entrare nell’appartamento ed è rimasto subito ucciso dalla reazione dei terroristi asserragliati con le armi in pugno. Finito il blitz anti-terrorismo a Saint-Denis la cittadina riprende a vivere. Le strade sono state riaperte, e la gente ha cominciato a uscire di casa. Molti negozi restano tuttavia chiusi.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->