martedì, Agosto 3

Diretta del convegno tenuto da Papa Francesco sul disarmo atomico Il Papa alle ore 12.30 parlerà dalla Santa Sede per promuovere un mondo senza armi nucleari

0

Oggi, alle ore 12.30, Papa Francesco parlerà al convegno, che si terrà in Vaticano, dal titolo: ‘Perspectives for a World Free from Nuclear Weapons and for Integral Development’, ovvero ‘Prospettive per un mondo libero dalle armi nucleari: per un disarmo integrale’, organizzato dal Dicastero per il Servizio dello Sviluppo Umano Integrale, nel quale interverrà Papa Francesco.

Il convegno avrà come obiettivo quello di promuovere le condizioni necessarie per un mondo senza armi nucleari e sarà il primo incontro globale sul disarmo atomico dopo l’approvazione del “Trattato sul bando delle armi nucleari”, firmato da 122 Paesi della Comunità internazionale, a New York il 7 luglio 2017.

Tra i partecipanti sono previsti 11 premi Nobel per la pace, i vertici dell’Onu e della Nato e i rappresentanti degli Stati Uniti, della Corea del Sud e della Russia.

Il Papa ha più volte sottolineato il fenomeno del commercio delle armi, che stimola e che mantiene vivi questi focolai di conflitto. E parlando delle armi nucleari le ha definite ‘suicidio dell’umanità’.

12.43 ‘Bisogna distruggere la psicosi bellica e la Chiesa non smetterà mai di compiere un servizio a favore della giustiza e della pace’, conclude Papa Francesco.

12.42 ‘Occorre una maggiore solidarietà verso le popolazioni povere e promuovere l’umano, la contemplazione e l’azione. Bisogna pensare un progresso inclusivo nonostante la critica di coloro che sono contrari allo smantellamento degli armamenti nucleari’.

12.38 ‘Le armi chimiche, le bombe, sono armamenti proibiti attarverso convenzioni internazionali e la scienza dovrebbe essere a favore dell’umanità. Ricordiamo il disastro di Hiroshima e le vittime del disatro nucleare.’

12.37 ‘Le armi generano un ingannevole senso di sicurezza’, prosegue il Papa.

12.36 ‘E’ da condannare la minaccia dell’uso delle armi nucleari’, continua.

12.34 ‘Dobbiamo lottare contro la povertà, la pace, lo sviluppo dei diritti umani’, dice Papa Francesco.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->