mercoledì, Luglio 28

Pannella: vi racconto l'8 dicembre 1955

0
1 2 3 4 5


Marco Pannella è al solito avvolto dalla nuvola prodotta dal sigaro alla grappa eternamente acceso; sostiene che fuma quasi per prescrizione medica. E’ una balla, naturalmente. I medici da anni lo seguono, e sì, non smettono di stupirsi per le sue incredibili capacità di recupero, si tratti di uno sciopero della sete di dieci giorni o un paio di tumori; ma fosse per loro quei sigari non glieli farebbero neppure vedere. Ma che gli volete dire a uno che ti racconta d’esser cresciuto in Abruzzo, ‘nutrito’ da una coppia di contadini, Rituccia e Antonio, che lo rimpinzavano di pane e salsiccia cruda? Avrà acquisito allora, quegli anticorpi immunizzanti che gli consentono di stracciare il traguardo degli 86 anni facendo la stessa vita di quando era un ventenne che investiva il suo tempo tra l’Unione Goliardica Italiana, la sede de ‘Il Mondo’ di Mario Pannunzio ed Ernesto Rossi, e il Partito Liberale.

 

Se lo ricorda Pannella, dov’era l’8 dicembre del 1955?

Direi proprio di no. Perché.

E’ una data importante. Dovrebbe esserlo, almeno….

Me lo dica lei.

L’8 dicembre del 1955 una trentina di consiglieri nazionali dell’allora Partito Liberale si dimettono…

Continui; sembra interessante….

A dire il vero le domande le dovrei fare io; e le risposte dovrebbe darmele lei…

Faccia le sue domande, vediamo se le risponderò….

Davvero non si ricorda che con quelle dimissioni avete gettato le fondamenta del Partito Radicale? Sono trascorsi sessant’anni da allora, non è uno scherzo, il suo Partito Radicale è il più antico sulla scena politica…

Il Partito Radicale lo faccio ogni giorno….

Sì, ma torniamo alle radici di questo albero che ogni giorno fiorisce: ricorda chi c’era?

Senz’altro Mario Pannunzio, Ernesto Rossi; e poi Nicolò Carandini, Leopoldo Piccardi….

Eravate un bel gruppo: anche Leo Valiani, Guido Calogero, Giovanni Ferrara, Paolo Ungari, Franco Roccella, Eugenio Scalfari…

Bel gruppo, ma non tutti buoni….

Mi dica…

Ne ha citato uno che ha percorso molte strade, ma fin da allora si capiva cos’era, cosa avrebbe fatto e fa….

Con Scalfari è una vita che vi beccate…

Abbiamo orizzonti diversi.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->