venerdì, Aprile 16

Panama Papers, cosa lega tutti i vari personaggi coinvolti?

0

Giorni caotici nel mondo per le rivelazioni dei Panama Papers. Tra i più bersagliati dalle critiche il premier britannico David Cameron, che per la prima volta ha ammesso pubblicamente, in una intervista alla ‘ITV News’, di aver avuto una quota della società offshore creata dal padre Ian (scomparso nel 2010), precisando tuttavia di averla venduta per 30.000 sterline poco prima di diventare primo ministro. Si tratta di 5mila quote della Blairmore Investment Trust, il fondo offshore gestito dal padre, al quale partecipava anche con la moglie Samantha. Cameron però ha ripetuto di non avere comunque nulla da nascondere e di aver rispettato la legge, pagando a suo tempo le tasse sui dividendi di quella quota.

 

Nel frattempo l’inchiesta sembra aver colpito nel profondo anche Panama, che si dice pronta a migliorare la trasparenza in tema di fiscalità. Il presidente Juan Carlos Varela ha annunciato infatti che il suo governo creerà un comitato indipendente di esperti internazionali che «valutino le pratiche vigenti e proponga l’adozione di misure per rafforzare la trasparenza dei sistemi finanziari e legali». Ma andiamo a scoprire i vari personaggi coinvolti e cosa li lega.

(video tratto dal canale Youtube del The Guardian)

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->