martedì, Aprile 13

Pampanga: Cristi in croce per il Venerdì Santo

0

I cristiani di tutto il mondo stanno segnando il Venerdì Santo con rievocazioni della Crocifissione, tra questi i devoti nelle Filippine hanno davvero le mani inchiodate alla croce. Dall’Australia in Europa e tra le Americhe, adoratori di Gesù Cristo vengono guidati per le strade da parte di bande di antichi soldati Romani, prima di essere issati sulla croce. Funzioni religiose e cerimonie di prima mattina si sono svolte in occasione uno dei giorni più sacri nel giorno calendario cristiano, la Pasqua quando si commemora la Passione di Gesù, ucciso e messo sulla croce sul monte Sinai. Circa due dozzine di filippini sono state inchiodati alla croce in una rappresentazione di estrema di devozione che la Chiesa Cattolica guarda dall’alto in basso come una forma di religione popolare, ma non sembra in grado di fermare. La rievocazione della passione di Gesù Cristo attira migliaia di turisti nella regione Pampanga, a 80 km (50 miglia) a nord della capitale, per guardare penitenti a piedi nudi che si flagellano e poi ci sono una serie di crocifissioni su una collina artificiale. La pratica prese piede in provincia circa 60 anni fa, come forma di voto religioso da parte della povera gente in cerca di un perdono, di una cura per la malattia e dell’adempimento di altri desideri nascosti dentro l’anima del penitente stesso.

(tratto da ‘You Tube‘)

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->