sabato, Aprile 10

Palestina – Israele, la Terza Intifada? field_506ffbaa4a8d4

0
1 2 3 4 5


La spirale di violenze  in corso tra Israele e Palestina ha sollevato presso molti commentatori, sia locali che internazionali, il timore che accada una TerzaIntifada‘, termine arabo che significa ‘rivoluzione’, ‘sussulto’, e che da quasi un trentennio è stato assunto come appellativo delle rivolte di massa nei territori palestinesi nei confronti di cittadini e obiettivi israeliani.

 

16 Ottobre

Medio Oriente, il venerdì della rabbia incendia la Palestina

Attacco alla Tomba di Giuseppe

19 Ottobre

‘Free Palestine’: rally di protesta nel mondo

Palestina: la fragile pace delle carte

Medio Oriente, non c’è pace per Gerusalemme

Israele: no ad osservatori nella Spianata

20 Ottobre

Israele: pressing Onu per abbassare la tensione

21 Ottobre

Israele: l’Unesco condanna gestione della Spianata

22 Ottobre

L’Olocausto secondo Netanyahu

Kerry a Netanyahu: passi concreti oltre la retorica

23 Ottobre

Gerusalemme, l’Unesco boccia Israele

26 Ottobre

Israele: vacilla accordo sulla Spianata

27 Ottobre

Israele, 44 palestinesi arrestati in Cisgiordania

28 Ottobre

Cisgiordania, la collera della generazione di Oslo

Israele, polemiche per provocazioni di Hotovely

29 Ottobre

UCLA: viaggio nell’attivismo palestinese

Ondata di arresti in Cisgiordania e Gerusalemme Est

30 Ottobre

Israele, scontri e morti nell’ennesimo venerdì di rabbia

2 Novembre

Israele, un’altra giornata di accoltellamenti

4 Novembre

Israele: rimossi posti di blocco a Gerusalemme

9 Novembre

Israele, ondata di attacchi negli insediamenti

11 Novembre

Israele, scontri tra esercito e palestinesi in Cisgiordania

12 Novembre

Israele, raid in un ospedale palestinese a Hebron

16 Novembre

Cisgiordania, due morti palestinesi negli scontri a Qalandiya

17 Novembre

Israele: dichiarato «illegale» il Movimento islamico

18 Novembre

Israele: arrestati sei presunti terroristi

19 Novembre

Israele: cinque morti in tre attacchi

23 Novembre

Israele, ennesimo weekend di sangue

 

In generale si parla di una nuova intifada ad ogni nuovo ciclo di violenze tra israeliani e palestinesi. Stavolta, però, l’ipotesi sembra più solida rispetto ad altre precedenti occasioni (l’ultima a fine 2014) per via del contesto di violenza diffusa degli ultimi giorni e per il numero di palestinesi uccisi o in risposta agli attacchi e durante manifestazioni di protesta nella Cisgiordania occupata e a Gaza, aspetto questo che pone seri dubbi sulle pratiche adottate dalla polizia israeliana.

La nuova sequenza di attacchi è iniziata giovedì 1 ottobre, quando una coppia di israeliani è stata uccisa durante un viaggio in macchina, nel nord della Cisgiordania. Come misura punitiva, le autorità israeliane hanno vietato l’accesso alla città vecchia di Gerusalemme  -ossia quella a maggioranza araba-  a tutti i palestinesi non residenti nel quartiere, provocando diversi scontri e manifestazioni tra le popolazioni arabe in Israele e nei Territori occupati. Col passare dei giorni l’emergenza non è affatto rientrata, registrando, anzi, un continuo crescendo. Gli attacchi perpetrati da parte di giovani palestinesi contro civili e militari israeliani ha portato alla morte di sette persone e al ferimento di altre quaranta. Complessivamente, i palestinesi uccisi dalle forze di sicurezza dello Stato ebraico, solo nella prima metà di ottobre, sono stati 35.

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->