venerdì, Luglio 23

Gaza: emergenza umanitaria senza precedenti I palestinesi stanno affrontando un peggioramento delle condizioni umanitarie senza precedenti

0

Gaza ha raggiunto il limite dell’esplosione del vulcano perché la situazione umanitaria si è ormai trasformata nella peggiore catastrofe umanitaria a causa dell’attuale blocco israeliano che dura da oltre un decennio e delle tre operazioni militari israeliane a Gaza. Il crollo dell’ultimo accordo di riconciliazione palestinese tra Hamas e Fatah a causa degli ostacoli per attuare l’accordo di riconciliazione sul territorio o il dilemma per consolidare il governo di riconciliazione a Gaza a causa dell’ala armata militare di Hamas o il secondo dilemma del destino di quasi 50.000 impiegati all’interno di Hamas-dominato istituzioni a Gaza. Queste persone sostengono circa un quarto di milione di familiari a Gaza. Sono quelli che hanno assunto il peso dell’amministrazione degli affari di Gaza negli ultimi 10 anni. Per non parlare delle sanzioni del presidente dell’ Autorità palestinese Mahmoud Abbas contro Gaza per fare pressione su Hamas senza potere e la decisione dell’amministrazione Trump di tagliare i finanziamenti dell’ UNRWA di oltre la metà : fattori che hanno portato la situazione umanitaria a deteriorarsi ancora di più. anche l’Egitto ha esacerbato l’assedio chiudendo l’incrocio di Rafah intrappolando i palestinesi nell’enclave assediata.

L’agenzia delle Nazioni Unite per i profughi palestinesi (UNRWA) offre servizi vitali, educativi e alimentari a 1.300.000 rifugiati palestinesi che vivono a Gaza, tra cui 270.000 bambini rifugiati palestinesi che frequentano l’istruzione nelle scuole dell’UNRWA e ci sono circa 22 centri sanitari dell’UNRWA che sono offrendo servizi medici, assistenza e servizi sociali. ma attualmente l’UNRWA affronta la peggiore crisi finanziaria dopo la decisione dell’amministrazione Trump di tagliare i fondi dell’UNRWA di oltre la metà, dove gli Stati Uniti sono il principale donatore dell’UNRWA che fornisce quasi il 30% del suo budget.

I palestinesi stanno affrontando un peggioramento delle condizioni umanitarie senza precedenti: gli ospedali di Gaza hanno iniziato a chiudere le porte ai pazienti, a sospendere i servizi medici e delle operazioni chirurgiche a causa della carenza di carburante necessaria per far funzionare i generatori e la grave carenza di droghe e articoli usa e getta medici. Per non parlare dello sciopero degli addetti alle pulizie per gli stipendi non pagati. L’elettricità è disponibile  non più di quattro ore al giorno.

Il 97% dell’acqua potabile di Gaza è contaminata e inadatta al consumo umano a causa dell’inquinamento da acque reflue non trattate o a causa di un alto livello di salinità. anche i liquami grezzi stanno scavando spiagge e zone di pesca. La povertà ha raggiunto tutte le case di Gaza, perché 7 su 10 abitanti di Gaza vivono di aiuti umanitari internazionali, quindi le persone sono costrette a sopportare condizioni disumane per lungo tempo, ma la pazienza ha cominciato a esaurire la gente perché si sente morta ma respira a terra questo posto dimenticato nel nostro mondo. Quindi l’idea di organizzare proteste lungo il confine con Israele tra la gente ha iniziato a crescere sostanzialmente sotto la disperazione e il nulla

Muthanna al-Najjar, il fotoreporter palestinese che ha piazzato la sua tenda vicino al confine con Israele, ha intervistato con lui che la soluzione per cambiare la sofferenza estrema e le condizioni disumane a Gaza è organizzare centinaia di migliaia di palestinesi in marce pacifiche lungo il confine con Israele.

Ha aggiunto che lavorano per mobilitare questa idea tra la gente, lavoreremo per posizionare le tende vicino al confine al primo. poi passeremo attraverso marce pacifiche per prendere d’assalto nel sud di Israele.

Quando gli ho chiesto se temeva che Israele usasse violenza, ha detto: “Saremo pacifici e abbiamo il diritto di vivere come esseri umani nel mondo e ha aggiunto che chiamiamo tutto il mondo libero per sostenerci e proteggere le nostre marce pacifiche se Israele cercherò di usare la violenza e la forza contro di noi perché siamo rifugiati e tutte le leggi umanitarie e internazionali ci danno il diritto di tornare nella nostra patria”

Vi sono rigide restrizioni che impongono al movimento di viaggio dei palestinesi a Gaza ai valichi di frontiera se il checkpoint di confine di Erez con Israele o il valico di Rafah con l’Egitto sul movimento di viaggio sia da Israele che da Egitto alla popolazione di Gaza dall’inizio del soffocando l’assedio israeliano nel 2007. Se hai bisogno di un permesso per uscire da Gaza attraverso il valico di frontiera israeliano Erez, devi presentare una domanda e aspettare molte settimane tra 50 e 70 giorni fino alla risposta israeliana, sia che tu sia malato o studente o altri casi umanitari. Israele respinge o ritarda i permessi di uscita in base alla pretesa di una potenziale minaccia alla sicurezza e di conseguenza meno dell’1 per cento delle persone di Gaza è autorizzato a lasciare il valico di frontiera israeliano di Erez

Le autorità egiziane impongono anche misure severe con la chiusura del valico di frontiera di Rafah, che ha esacerbato le condizioni umanitarie a migliaia di casi umanitari in costante bisogno di viaggiare. Pertanto, quando le autorità egiziane si aprono per un periodo di tempo limitato, l’unico modo per ogni umano di questi casi umanitari è pagare la tangibile inaccessibile per il “passaggio coordinato”.

Per tutto il 2017, il valico di frontiera di Rafah è stato aperto per circa 29 giorni in totale mentre nell’anno in corso 2018 è stato aperto per circa 2 giorni.

Attualmente, l’Autorità palestinese gestisce i valichi di frontiera a Gaza, sia che il valico di frontiera di Rafah o il valico di Erez passino dopo che Hamas ha consegnato la gestione dei valichi di frontiera lo scorso novembre nell’ambito dell’accordo di riconciliazione palestinese. Israele impone ancora rigide restrizioni anche al valico di frontiera di Erez Le autorità egiziane impongono ancora misure severe con la chiusura del valico di frontiera di Rafah.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->