domenica, Ottobre 17

Pakistan-Russia-Cina: esercitazioni che non piacciono agli Usa Test di due settimane tra Islamabad e Mosca chiamato Friendship 2017 ma anche quello con Pechino

0

I comandanti militari di Pakistan e Russia hanno lanciato delle esercitazioni antiterrorismo comuni nelle montagne e nelle foreste della repubblica del Caucaso del Karachaevo-Cherkessia. L’esercitazione di due settimane chiamata Friendship 2017 (amicizia) coinvolge più di 200 forze speciali di entrambi i Paesi.

Le esercitazioni congiunte, secondo i due comandi, rafforzeranno i legami militari tra i Paesi. Nel frattempo, un’esercitazione aerea congiunta va avanti da quasi tre settimane tra il Pakistan e la Cina.

L’intensificarsi dei legami politici, economici e di difesa del Pakistan con l’alleato tradizionale della Cina e la sua nuova alleanza con la Russia hanno messo all’angolo gli Usa. Le tensioni derivano soprattutto dalle persistenti affermazioni statunitensi  riguardo al fatto che il Pakistan non sta facendo abbastanza per impedire che i gruppi terroristici sul proprio suolo intraprendano attacchi mortali contro le truppe americane in Afghanistan.

I legami bilaterali sono scesi ai nuovi minimi dopo il discorso del presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, che ha accusato Islamabad di non terminare la liberazione dei propri territori dai terroristi. I funzionari statunitensi hanno anche minacciato, tra le altre misure punitive, di degradare lo status del Pakistan.  Islamabad ha respinto tempestivamente le accuse, affermando che non esistono santuari jihadisti sul suolo pakistano a causa delle operazioni di sicurezza sostenute. E ha attaccato Washington, affermando che è scappata dal Pakistan a causa dei suoi fallimenti per porre fine alla guerra afghana.

(video tratto dal canale Youtube di RT)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.
End Comment -->