giovedì, Ottobre 28

Pakistan e sviluppo frenato field_506ffb1d3dbe2

0

Pakistan-IMF-Nationalturk-13

Bangkok – Al di là del ruolo dei media o delle agenzie internazionali di certificazione degli standard economici, in Pakistan si era evidenziato –anche per i più distratti- uno scenario economico e finanziario fermo o quasi. Come mai? Le motivazioni sono molteplici, ora giunge anche un report di settore per carpire gli aspetti più reconditi di questo blocco economico e sociale del Paese. Alcuni aspetti si possono considerare tasselli cronicizzati dell’economia globale in fase di stallo, in altri casi si evidenziano le specificità del Pakistan, soprattutto in termini negativi.

Il tasso di competitività del Pakistan, tra le economie globali, è lievemente migliorato passando alla posizione 129 partendo dalla posizione precedente 144 nel ranking mondiale pubblicato annualmente dal Forum Economico Mondiale WEF .

Secondo il Report Competitività Globale 2014-2015 emesso dal Forum Economico Mondiale e reso pubblico nella giornata di Mercoledì scorso, la Nazione rimane sostanzialmente stabile fin dall’anno scorso, dopo due anni consecutivi di declino alquanto vistoso. In ogni caso, la Nazione ottiene ancor oggi bassi punteggi nelle aree più critiche e basilari della competitività.

La Nazione s’è collocata al numero 133 su 148 Nazioni nel biennio 2013-2014; 124 su 144 nel 2012-2013 e 118 su 142 nel biennio 2011-2012.

Il report afferma che le istituzioni pubbliche pakistane sono bloccate dalla burocrazia, dalla corruzione dilagante, dalla cultura del padronato e da una relativa caduta della protezione dei diritti connessi con la proprietà. Se si volesse descrivere la situazione relativa alla sicurezza in Pakistan si potrebbe comodamente usare la definizione “allarmante”, in questo modo il report assegna un punteggio che è il terzo peggiore tra tutte le Nazioni analizzate, peggio fanno solo Yemen e Libia.

Una nota lievemente positiva è che l’Indice di Competitività Globale colloca il Pakistan alla posizione numero 72 nello sviluppo basilare economico, il che significa che la Nazione si è comportata di poco meglio nelle aree più sviluppate.

Le aree più problematiche nel far business in Pakistan così come definite nel report, comprendono la corruzione tra i fattori guida e con rilevanza principale, insieme con la instabilità politica, l’accesso al finanziamento, l’inefficacia della burocrazia governativa, il livello inadeguato delle infrastrutture, l’instabilità governativa/colpi di stato, il crimine ed i furti, l’inadeguata forza lavoro, il livello della imposizione fiscale, la legislazione del sistema fiscale stesso, il livello scadente dell’offerta sanitaria pubblica e l’insufficiente capacità di innovazione.

Il contesto macroeconomico del Paese è lievemente migliorato grazie all’onda lunga del basso livello di inflazione ed un deficit di bilancio più piccolo, rimane tuttavia ad un livello preoccupante, ovvero al 137. Le infrastrutture (posizione 119), in special modo per la distribuzione dell’elettricità (posizione 133) sono uno dei punti di particolare sottosviluppo.

La performance nazionale in termini di salute ed istruzione è di fatto tra le peggiori. La mortalità infantile (posizione 137) è tra le più alte, immediatamente sotto quella dell’Africa Sahariana (132ma posizione), si stima che circa un quarto dei bambini non frequenti la scuola elementare in Pakistan.

Il Pakistan raggiunge la posizione 142 nei requisiti base, 104 nei fattori di potenziamento dell’efficienza e 78 in innovazione e fattori sofisticati.

Tutti i 12 fattori base inclusi nel report si fissano in Pakistan come segue: Istituzioni alla posizione 123; le infrastrutture 121; il contesto macroeconomico 145; salute ed educazione elementare 128; istruzione superiore e addestramento al lavoro 129; efficienza del mercato dei beni 103; efficienza del mercato del lavoro 138; sviluppo del mercato finanziario 67; prontezza tecnologica 118; dimensioni del mercato 30; livello di sofisticatezza del business 85; innovazione 77.

La competitività della Nazione è ulteriormente penalizzata dalle numerose rigidità ed inefficienze del suo mercato del lavoro.

La partecipazione della quota femminile nella forza lavoro è la quinta più bassa a livello mondiale. Il potenziale per Information and Communication Technology ICT è su di un livello non sufficiente e l’accesso alle ICT permane basso.

Il report stabilisce che tra le Nazioni della Associazione dell’Asia del Sud per la Cooperazione Regionale SAARC, il Pakistan è a fondo classifica alla posizione numero 129, in comparazione con l’India (71), lo Sri Lanka (73); il Nepal (102), Buthan (103) e Bangladesh (109). Afghanistan e Maldive quest’anno sono Paesi che risultano essere non inclusi nel report.

«Sebbene il Pakistan abbia mostrato miglioramenti rispetto all’Indice di Competitività Globale, sta ancora attraversando un momento difficile», ha aggiunto Amir Jahangir Amministratore Delegato di Mishal Pakistan, l’istituto partner della Nazione per la Competitività Globale e il Network di Riferimento presso il Forum Economico Mondiale.

Secondo quel che annota il report, la salute dell’economia globale è a rischio, nonostante anni di politiche monetarie forti ed i forti contrasti anche a livello sociale per implementare le riforme strutturali necessarie per sostenere la crescita delle loro economie.

Nella valutazione annuale dei fattori che guidano la produttività e la prosperità delle Nazioni, il report identifica una implementazione diseguale delle riforme strutturali lungo le varie e differenti regioni ed i livelli di sviluppo definendoli come la sfida più grande per sostenere la crescita globale.

Il report, inoltre, mette in luce il talento e l’innovazione come due aree dove i leader del settore pubblico e del privato necessitano di cooperare con maggiore efficacia in ordine al conseguire uno sviluppo economico sostenibile ed inclusivo.

Nell’Indice di Competitività Globale, la Svizzera si posiziona al primo posto per il quinto anno consecutivo, seguita da Singapore, Stati Uniti, Finlandia, Germania, Giappone, Hong Kong, Olanda, Gran Bretagna e Svezia.

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->