mercoledì, Dicembre 1

Paese dal cuore d’oro

0

Bangkok – Il Bhutan raggiunge la posizione n. 11 nell’Indice Mondiale delle Donazioni che misura il livello del comportamento di donazione caritatevole tra le Nazioni. Questa è la prima volta che il Bhutan è inserito in questa lista mondiale il cui scopo è quello di fornire informazioni sugli scopi e sulla natura del donare nel Mondo.

L’Indice annualmente viene calcolato sulla base delle risposte medie registrate su tre questioni centrali. Colui che risponde deve fornire una risposta se il denaro sia stato donato ad un ente se una qualche attività lavorativa sia stata donate ad una organizzazione, se qualsiasi tipo di aiuto e sostegno sia stato messo a disposizione di un estraneo, nel precedente periodo di un arco di mesi. Dopo la valutazione sulla media delle risposte, ad ogni Nazione viene assegnato un punteggio percentuale e viene posizionato di conseguenza.

Il Bhutan ha raggiunto una percentuale del 53 per cento collocandosi alla undicesima posizione a livello globale. In termini dell’aiutare un estraneo, il Bhutan si colloca alla posizione 46, con il 54 per cento di coloro che hanno risposto i quali hanno aiutato qualcuno che non si conosceva in precedenza nell’arco dei mesi precedenti alla stesura dell’Indice annuale. Per quanto riguarda le donazioni, il Bhutan raggiunge la posizione 12 con un punteggio medio del 63 per cento tra coloro che hanno fatto donazioni ad un Ente nell’arco dei mesi precedenti alla ricerca finalizzata alla stesura dell’Indice annuale.

Per il lavoro prestato in via volontaristica, il Bhutan si colloca alla nona posizione con il 43 per cento di persone che hanno prestato opera volontaristica in una organizzazione nel periodo di mesi precedenti alla ricerca. In via globale, Myanmar e Stati Uniti si collocano al vertice entrambi con un punteggio di 64 per cento. L’alto punteggio conseguito dal Myanmar viene attribuito a nove persone su dieci che seguono il Buddhismo Theravada. Un sangha (monaci che hanno scelto in via definitiva di appartenere all’ordine oppure seguaci) sostenuto dal dana (donazione caritatevole) contribuisce ad una cultura caritatevole molto forte, si sottolinea nel report che accompagna la stesura dell’Indice Mondiale delle Donazioni. Il Myanmar e gli Stati Uniti sono seguiti dal Canada e dall’Irlanda rispettivamente. In Asia, il Bhutan si colloca quarto dopo Myanmar, Malaysia e Sri Lanka. Nel “vicinato”, il Nepal si colloca 44mo, seguito dall’India (posizione n. 69), dal Bangladesh (72) e dalla Cina (128).

Il raggio d’azione della ricerca è stato definito dal noto ente di ricerca di mercato Gallup. L’Indice 2014 comprende i dati raccolti nel 2013 in 135 differenti Nazioni. La Fondazione Sostegno Caritatevole CAF pubblica annualmente l’Indice. Si tratta anch’essa di una organizzazione caritatevole a livello internazionale registrata ufficialmente in Gran Bretagna. Gli scopi dell’ente caritatevole sono quelli di motivare le società a dare quanto più possibile nel novero di quel che si può tecnicamente donare e di aiutare a trasformare le vite e le comunità.

Il Presidente del Centro Studi Bhutan, Dasho Kama Ura, ha affermato che l’Indice di Donazione Mondiale si basa su elementi compresi nell’Indice di Vitalità delle Comunità dell’Indice di Felicità Interna Lorda GNH. Nei risultati della ricerca GNH del 2010, si era riscontrato che il 54 per cento tra coloro che avevano risposto aveva messo a disposizione lavoro volontaristico nei 12 mesi precedenti alla ricerca. Si era anche riscontrato che il 90 per cento aveva donato denaro o beni nei 12 mesi precedenti alla ricerca.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->