domenica, Maggio 16

Ottimi utili con il brent, cambio euro/dollaro ingabbiato

0

Buoni gli utili sugli brent che ci ha visto chiudere la posizione a 32$ in attesa di chiusura di giornata per rientrare a rialzo solo dopo superamento del valore di 3374 con conferma daily con target possibile a 39 dollari. Siamo stati a guardare i grafici del cambio e dell’oro in quanto ingabbiati in un range moderatamente ristretto. Insomma ancora una settimana incerta per questi due strumenti, più per il cambio che per l’oro che a rottura di 1113 potrebbe correre fino 1200.

CAMBIO €/$

Ancora segni di incertezza su questo strumento. Chi opera intraday può vendere alla rottura di 1,0777 per riacquistare a 1,0711. A questo punto dovrà operare non con un contratto mini ma major affinchè i profitti siano decenti. Certo che una rottura a ribasso di 1,07 proietterebbe il dollaro a 1,06.  Faremo questa operatività con un contratto mini tanto per “rispettare” le leggi dei grafici.

eur giorn eur sett

ORO (GOLD SPOT)

Andare a ribasso sull’oro questa settimana potrebbe essere pericoloso. Sarebbe più opportuno entrare long a rottura di 1113 per mirare ad un target di 1140 con stop lungo a meno di una figura grafica daily che orienti in senso opposto. Penso che sia utile seguire i commenti quotidiani nell’apposito spazio sotto l’articolo.

spot 1 spot 2

BRENT CRUDE (OIL)

Come detto in premessa abbiamo realizzato trades profittevoli e speriamo di ripeterci anche questa settimana. E’ uno strumento con ampie oscillazioni per cui l’importante è rispettare gli stop loss quando il mercato ci va contro (come abbiamo fatto invertendo due volte la posizione nella scorsa settimana).

oil 1 oil 2

Sarebbe auspicabile un ritracciamento daily ed una ripartenza al superamento dell’ultimo massimo di giornata. E l’entrata sopra il massimo di venerdì potrebbe essere pericoloso in quanto possibilmente falso. La rottura del massimo della settimana precedente (3374) darebbe migliori garanzie di tenuta della crescita.

 

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->