mercoledì, Agosto 4

Orologi di lusso: su quali modelli vale la pena investire? Dai Rolex ai Patek Philippe, ecco quelli più vantaggiosi su cui puntare

0

Gli orologi di lusso nell’immaginario delle persone sono oggetti che denotano eleganza e stile, una sorta di status symbol. Preziosi, non passano mai di moda e hanno sempre una grande richiesta. Ancora oggi possiamo infatti vedere come il loro valore con le variazioni di prezzo continui in maniera costante ad aumentare. Ed è per questo che possiamo annoverare anche gli orologi di lusso tra i possibili investimenti.

Come scegliere l’orologio su cui valga la pena investire? Il casinò online di Betway ha illustrato in un interessante articolo quali siano i modelli su cui è più vantaggioso puntare in questo momento.

Quali sono i modelli migliori migliori su cui investire?

I dati riportati da L’Insider mostrano come il Rolex Cosmograph Daytona sia attualmente l’investimento più efficace. Un incremento del 251% del proprio valore e previsioni assolutamente ottimistiche circa il prezzo che potrebbe avere tra dieci anni non possono che convincere anche i più scettici. Nel 2017 il prezzo di questo modello si aggirava intorno agli 11.086 euro, mentre nel 2030 il suo prezzo stimato supera i 16.530 euro.    

Osservando le variazioni di prezzo rilevate nel corso degli anni, si possono infatti realizzare previsioni circa il valore che avranno tra una decina di anni.

Per quanto riguarda il marchio Breitling un orologio di lusso che potrebbe registrare una crescita importante del proprio valore nei prossimi anni è il Navitimer 01. Il prezzo nel 2017 era pari a 7814 euro, ma secondo le stime, il suo valore dovrebbe aumentare fino a 12.293 euro nel 2030. Un altro consistente incremento si registra osservando il Portugieser Chronograph, del marchio IWC: nel 2017 costava 7456 euro, mentre tra dieci anni dovrebbe valere 9.762 euro.

La top 10 degli orologi più costosi

Primo posto per il Patek Philippe Grandmaster Chime, che solo pochi eletti si possono permettere, dato che costa oltre 26 milioni di euro. Segue il modello Paul Newman Daytona del marchio Rolex, dal costo pari a oltre 14 milioni di euro e chiude il podio il Stainless Steel del marchio Patek Philippe dal valore di oltre 9 milioni di euro.

Poi ci imbattiamo in altri Patek Philippe: quarto posto per il Gobbi Milan Heures Universelles che costa più di 7 milioni di euro, quinto per il Patek Philippe Stainless Steel, che si aggira sui 6 milioni di euro e sesto per il Titanium da più di 5 milioni di euro. Settima posizione per il Rolex Daytona Unicorn da quasi 5 milioni di euro, ottava per un altro Patek Philippe, il Gold Cronograph, dal costo di 4 milioni e 700 mila euro, nona per il Rolex Bao Dai dal valore di 4 milioni e 300 mila. Chiude la top 10 una variante Patek Philippe Stainless Steel da 4 milioni di euro.

Quali marchi cercano gli utenti?

Osservando i dati raccolti, possiamo vedere come negli ultimi cinque anni le ricerche degli utenti su Google (secondo i dati di Google Trends) hanno riguardato per il 52% il marchio svizzero Hublot. Seguono il Rolex col 22%, Tudor col 10% e Omega e IWC, rispettivamente col 5% e 4%.

E i miliardari più famosi quale modello hanno al polso?

Infine un aspetto curioso: quale modello indossano gli uomini più ricchi al mondo? Il numero uno di Amazon Jeff Bezos, grazie a un patrimonio da oltre 123 miliardi di euro, ha potuto spendere più di 10 mila euro per acquistare il Dual Time del marchio Ulysse Nardin. Jes Staley di Barclays ha pagato quasi 4 mila euro il suo Luminor Marina del marchio Panerai, mentre Bill Gates, nonostante il suo patrimonio sia pari a 94 miliardi di euro, ha optato per un Casio dal costo di 57 euro.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->