lunedì, Agosto 2

Oro, Brent e cambio Euro/Dollaro: con i CFD si può

0
1 2 3


Da questa settimana si apre questa nuova rubrica con la quale vi guideremo nel mondo del trading professionale cercando di evidenziare, ogni lunedì mattina, i punti di acquisto e vendita (con i relativi stop loss e profit) dei tre prodotti più scambiati in borsa: Oro, Brent e cambio €/$.

Lo faremo utilizzando derivati e specificatamente i CFD. Certamente la maggior parte dei lettori di ‘L’Indro’ li conosce ma per chiarezza vi forniamo una brevissima spiegazione. CFD è l’acronimo dall’inglese Contract for Difference, contratto per differenza. Un CFD è un tipo di contratto in base al quale viene scambiata la differenza di valore di un certo asset, maturata tra il momento di sottoscrizione di un contratto e la chiusura di questo.

Noi, qui, utilizzeremo la piattaforma di IGMarket dalla quale estrapolerò i grafici per farvi visualizzare meglio i punti di ingresso nel mercato. Come detto, vi daremo indicazioni esclusivamente su Oro, Brent e cambio €/$.

 

CAMBIO €/$

Per l’apertura di lunedì, come potete vedere, vi riporto due grafici del cambio, uno giornaliero e l’altro settimanale. Ambedue risultano in fase di breve accumulo tra 1.08 e 1.104, quindi una tattica prudente consiglierebbe di entrare nel momento in cui vengono violati questi valori e certamente entrando su grafico settimanale e chiudendo in chiusura su grafico giornaliero. L’esperienza mi spingerebbe ad azzardare con un acquisto di un contratto in open di domenica sera alle 23 con breve stop loss al disotto di 1,079 e primo profit al range massimo (1,06) per entrare su violazione confermata da chiusura daily oltre 1,06.

Eu dol 2

Una strategia attendista permetterebbe di entrare in short in chiusura daily al disotto di 1,079 per puntare al profit 1,05 – 1,011. Mentre la rottura (sempre per chi non è entrato in open di domenica sera) del valore 1,06 permetterebbe di prendere profitto al target 1,15 – 1,17.

Eu dol

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->