sabato, Maggio 8

Organi in 3D e 4D, il futuro della scienza Nuove tecniche rendono più semplice costruire in laboratorio organi che in futuro potrebbero essere destinati ai trapianti

0

Oggi creare organi in stampa 3D è realtà. Dopo la costruzione dei primi organi in miniatura, nuove tecniche rendono più semplice costruire in laboratorio organi che in futuro potrebbero essere destinati ai trapianti.

Una delle nuove strade è descritta sulla rivista Macromolecular Rapid Communications, basata sulla deposizione di gocce di bio-inchiostro guidata da enzimi, mentre la rivista Developmental Cell presenta un metodo per riprodurre le complesse forme dei tessuti viventi, manipolando in laboratorio cellule umane o di topo su appositi supporti sintetici. Entrambi i risultati promettono di avvicinare la stampa di organi in 3D, una delle nuove frontiere della medicina rigenerativa che permette di riparare organi e tessuti danneggiati da malattie o lesioni attraverso ‘pezzi di ricambio’ ottenuti in laboratorio.

Ma la scienza va avanti e si pensa già a quelli in 4D. A permetterlo un gel ‘intelligente‘, fatto principalmente di acqua e capace di mutare forma in base alla temperatura. Lo smart gel ha il vantaggio di garantire la rigidità necessaria per fabbricare organi come i polmoni, ad esempio, oppure contenere farmaci da trasportare e rilasciare in modo preciso. La tecnica è stata descritta sulla rivista Scientific Reports ed è stata messa punto nella Rutgers university. Obiettivo comune degli organi ‘stampati’ è  quello di essere più facilmente adattabili all’organismo che dovrà riceverli.

(video tratto dal canale Youtube di La Vanguardia)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.
End Comment -->